Venerdì 24 Gennaio 2020 - Ultimo aggiornamento 22:08
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Italia-Ue, Giacché: "L'Italia è vittima di accordi da lei stessa firmati". Intervista audio
Che cosa c'è realmente dietro lo scontro tra Renzi e l'Europa? Sono tanti i dossier aperti, a cominciare dalla vicenda dell'Ilva, su cui oggi ci sarà il pronunciamento della Commissione europea a proposito degli aiuti di Stato. Ma il nodo, come sottolinea anche l'economista Vladimiro Giacché in questa intervista audio, rimane la serie di accordi presi ai vari tavoli europei sia sulla vigilanza bancaria che sui parametri di bilancio. Medagliette di cui possono "andare fieri" Berlusconi e Monti. Insomma il nostro paese è vittima, in parte, delle sue stesse decisioni e comportamenti.
"L’Italia sta pagando le conseguenze di accordi e criteri stabiliti dall’Europa in tavoli a cui lei stessa ha partecipato", dice Giacché, secondo il quale sono tre pilastri che dovrebbero supportare la cosiddetta "Unione bancaria", a cominciare dal controllo centralizzato, di fatto neutralizzato da Schaeuble. Seconda asimmetria, aggiunge Giacché, sono i salvataggi pubblici che dovrebbero avvenire solo dopo che siano intervenuti i risparmiatori. Una norma di per sé "neutra" ma applicata in modo tale che di fatto alcuni stati sono potuti intervenire prima. L’Italia non è stata tra questi. Oggi potrebbe avvenire che quelle banche salvate dai soldi pubblici possono comprare banche che non li hanno ricevuti. Ma il nodo è il terzo pilastro, ovvero il consorzio di mutuo salvataggio tra le banche. E questo strumento è stato bloccato nel caso italiano.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi