Martedì 23 Ottobre 2018 - Ultimo aggiornamento 18:23
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Mentre aspettiamo che ci tolgono le accise il 2018 sarà l'anno delle vacanze-salasso.
I prezzi di questa estate vanno su. E aumenta anche il budget necessario per mangiare e divertirsi. Quest’anno a parità di servizi e consumi le vacanze estive costeranno il 7% in più rispetto allo scorso anno. Significa 47 euro in più a persona per la classica settimana di villeggiatura al mare. I dati vengono dal Codacons, che ha condotto uno studio sui prezzi del comparto turistico. “Quest’anno le vacanze estive risultano particolarmente “salate” per i cittadini, con i listini che registrano sensibili incrementi in tutti i settori, un fenomeno che non si registrava da anni”, dice il presidente Carlo Rienzi.

“A dare il via ai rincari è stato senza dubbio il caro-carburante, che oramai da mesi sta provocando tensioni nei prezzi specie nel comparto dei trasporti determinando un effetto domino su beni e servizi”. Le vacanze estive registrano l’aumento del prezzi dei biglietti aerei, che sfiora il 20% rispetto all’estate del 2017 e comporta un aumento di spesa per chi va all’estero. Ci sono poi i rincari per chi viaggia in auto: il gasolio costa oggi il 13,2% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e la benzina vola a +9,7% sul 2017.
L’analisi del Codacons registra poi listini più elevati nelle strutture ricettive: più 3% negli alberghi, più 3,5% nei villaggi vacanza e nei campeggi. Aumenti anche in spiaggia: stabilimenti balneari, parcheggi e servizi al mare segnano nel complesso un aumento del 3,2% rispetto alla scorsa estate. Servirà un budget maggiore anche per mangiare, perché la ristorazione segna aumenti medi del 2%. E sarà più caro divertirsi: i prezzi dello svago sono aumentati dell’1,2%. Dice Rienzi: “Complessivamente quest’anno le vacanze estive costano agli italiani il 7% in più rispetto allo scorso anno. Ciò significa che per la classica settimana di villeggiatura al mare, a parità di consumi rispetto al 2017, la maggiore spesa sarà pari a +47 euro a cittadino”.


I costi generali, secondo Federconsumatori sono saliti dell’1,1% rispetto al 2017. A concedersi una pausa estiva saranno circa 21,8 milioni di italiani, pari al 36,4%, anche se in molti cercheranno vacanze low cost. Oltre 3800 euro per una vacanza al mare con tutta la famiglia. Con albergo, servizi dello stabilimento balneare, un paio di escursioni in qualche località tipica e al parco acquatico, una serata tutti insieme al ristorante.

Come si arriva a questa cifra? Federconsumatori mette insieme i costi del viaggio in auto, dell’albergo e dello stabilimento balneare, qualche escursione, sport e divertimenti e un paio di serate fuori, al ristorante e al pub. Per il viaggio di andata e ritorno in auto, fra pieno di benzina, autostrada e sosta in autogrill, se ne vanno poco meno di 320 euro. L’albergo fa la parte del leone: per due camere doppie e sette notti, si stima un costo complessivo di 2156 euro (più 0,9% rispetto allo scorso anno). La famiglia in vacanza che ricorre ai servizi dello stabilimento balneare, per due lettini e un ombrellone per sette giorni, dovrà mettere in conto una spesa di 218 euro, cui si aggiungono circa 195 euro fra caffè, bibite e gelati al bar, per un totale di 412 euro in spiaggia e dintorni.
Nella spesa della settimana di ferie vengono conteggiati anche i costi di un paio di escursioni, una di mezza giornata in una località caratteristica (24 euro a persona), l’altra di una giornata in barca, con trasporto, pranzo, ingresso in un parco marino e aperitivo (69,50 euro a persona) per un totale di 373 euro (più 1,9% rispetto al 2017). Non vuoi noleggiare un pattino o fare una puntata in sala gioco? Sono 11,50 euro al giorno a persona. Una serata a cena in un ristorante richiede in media 208 euro. Altri 27 euro se ne vanno per una serata al pub con un paio di consumazioni per gli adulti. Il totale fa oltre 3800 euro.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi