Martedì 22 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento 23:36
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Flop Ceta sul Parmigiano reggiano, Coldiretti: "In compenso abbiamo aumentato di nove volte l'importazione di grano imbottito di glifosato"
Crollo a due cifre delle esportazioni di Grana Padano e Parmigiano Reggiano in Canada che registrano -32%, scendendo a 1,4 milioni di chili nel primo semestre del 2019 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. E' quanto emerge da un'analisi della Coldiretti su dati Istat, divulgata a due anni dell'entrata in vigore in via provvisoria dell'accordo di libero scambio tra Unione Europea e Canada (Ceta) ratificato da 15 Paesi Europei su 28.

Il fatto è che la diffusione del falso Made in Italy, sottolinea la Coldiretti, ha ridotto lo spazio ai prodotti originali con il Canada arrivato a produrre 6,3 milioni di chili di falso Parmigiano Reggiano (Parmesan), in aumento del 13% rispetto al 2018 e ancora 4,5 milioni di ricotta locale, 1,9 milioni di chili di Provolone taroccato e 74 milioni di chili di finta mozzarella. In pratica sono falsi 8 pezzi di parmigiano su 10, ricorda la Coldiretti, precisando che l'accordo Ceta ha legittimato per la prima volta le imitazioni del Made in Italy, dando il via agli altri accordi con Giappone, Messico e nel negoziato con i Paesi del Mercosur, grandi produttori di formaggi italiani taroccati.

Secondo la Coldiretti la situazione in Canada è in controtendenza rispetto a quello che avviene sui mercati mondiali dove il settore caseario nazionale registra una crescita del 7%. Ad aumentare di quasi 9 volte da gennaio a settembre, aggiunge ancora la Coldiretti, è il grano importato dal Canada per un totale di 387 milioni di chili; un prodotto trattato con l'erbicida glifosato in preraccolta, secondo modalità vietate in Italia dove la maturazione avviene grazie al sole
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi