Venerdì 05 Giugno 2020 - Ultimo aggiornamento 13:15
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Confindustria, imprenditori all'unanimità eleggono leader uno dei falchi pronto a riforme contrattuali profonde
Carlo Bonomi è il nuovo presidente di Confindustria, è stato eletto all'unanimità da viale dell'Astronomia. Sale ai vertici uno dei falchi dell'associazione degli imprenditori. 

Nel suo intervento in assemblea a porte chiuse (l'assemblea pubblica è rinviata a fine settembre) il neo-presidente di Confindustria è tornato a sottolineare preoccupazione per la nuova ondata di pregiudizio anti imprese, come anche l'invito al Governo a non affossare Industria 4.0, ed un messaggio ai sindacati: la necessità di nuove forme contrattuali. E nel Paese, ha sottolineato, servono riforme profonde, "cambiamenti radicali". E quello che molti osservatori si attendono da lui, ora, anche all'interno di via dell'Astronomia. Il voto all'unanimità, un segnale di compattezza che in questo momento conta (non accadeva da sette presidenze), 818 sì ed una scheda nulla, segna l'ultimo atto del lungo iter per la scelta del leader degli industriali. Bonomi prende così il testimone da Vincenzo Boccia e sarà presidente per il quadriennio da maggio 2020 a maggio 2024: l'onda disastrosa dell'emergenza Covid-19 gli ha imposto di entrare in gioco prima ancora che si concludessero i riti confindustriali dell'elezione, dettando una nuova linea nel confronto con il Governo sui decreti per l'emergenza.

Designato lo scorso 16 aprile dal Consiglio Generale, quando ha vinto con 123 voti la sfida con Licia Mattioli che ne ha ottenuti 60, Bonomi è un imprenditore del biomedicale presidente della holding Synopo, lombardo (nato a Crema) classe 1966. 

Lo stop all'Irap per l'acconto di giugno ottenuto intanto dalla Confindustria è il segnale che il messaggio lanciato dal nuovo leader degli industriali è arrivato chiaro al Governo ed è stato recepito. E' stato netto Bonomi in queste settimane, ha chiesto con incisività un cambio di strategia nel sostegno alle imprese: "Un intervento immediato e diretto piuttosto che interventi a pioggia che non servono a niente". Ed ha indicato una strada in tre mosse: taglio dell'Irap, pagare i debiti che la Pubblica Amministrazione ha con le imprese, sbloccare i cantieri per le opere pubbliche già finanziate.

A guidare Assolombarda, la principale associazione territoriale di Confindustria, anche per peso politico, sale ora alla presidenza Alessandro Spada: era al fianco di Bonomi come vicepresidente vicario. La scelta presa in via Pantano, dettata da questa fase delicatissima per il mondo imprenditoriale, è stata quella di confermare l'attuale squadra di presidenza fino al termine del mandato nella primavera del 2021. Di Bonomi, Spada sottolinea la "certezza che saprà essere all'altezza della grande sfida che ha davanti. Un lavoro che richiede grande coraggio, determinazione e visione". E aggiunge: "In questa direzione proseguirà anche il mio lavoro. La strada da percorrere è già segnata. Lavoriamo tutti insieme per la ripartenza".

Vincenzo Boccia lascia in un momento ingrato, con il mondo delle imprese stravolto da quando accaduto negli ultimi mesi: resta presidente dell'Università degli industriali, la Luiss, e sarà il prossimo presidente dell'alleanza industriale del mediterraneo BusinessMed. In quattro anni di lavoro, impegnativi, ha ridisegnato un asse con i sindacati promuovendo il Patto della Fabbrica, ha dovuto riconquistare spazio su tavoli di confronto annullati da una politica che aveva tolto voce alle parti sociali, passando per l'Assise di Verona da dove settemila industriali hanno fatto sentire alla politica una voce compatta, a febbraio 2018 prima delle elezioni; Alla fine dello stesso anno la grande iniziativa per la crescita, a Torino, innescata dagli scontri politici sulla Tav.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi