Martedì 10 Dicembre 2019 - Ultimo aggiornamento 22:18
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
14:28 - PREVIDENZA: CGIL, CONFARTIGIANATO PRONTA A FAR FALLIRE NEGOZIATO

(ASCA) - Roma, 19 nov - Nuovo strappo nelle relazioni sindacali dell'artigianato. Nell'incontro di ieri ''Confartigianato si e' assunta la responsabilita' di far fallire il negoziato sulla previdenza complementare, avviato fra tutte le parti in base ad una proposta unitaria di Cgil, Cisl, Uil'', affermano le segretarie confederali della Cgil, Susanna Camusso e Morena Piccinini.

Sulla proposta avanzata dalle organizzazioni sindacali di ''sostenere il rafforzamento della previdenza complementare nell'artigianato'', spiegano le dirigenti sindacali, le organizzazioni artigiane Cna, Casa Artigiani, Claai, ''hanno confermato la piena disponibilita' alla prosecuzione del confronto per concordare un testo definitivo''. Ma, denunciano, ''Confartigianato, sempre pronta a firmare accordi separati peggiorativi della condizione di diritto dei lavoratori, ha fatto fallire il confronto negandosi ad ogni tentativo di soluzione di merito''. Un fallimento che, inoltre, ''scarica sul Consiglio di amministrazione di Artifond la responsabilita' degli atti di legge in materia, venendo meno alle responsabilita' come organizzazioni istitutive''.

La Cgil sottolinea ''la gravita' della situazione che si viene a determinare per il mancato consolidamento della previdenza complementare'' e ritiene ''indispensabile il coinvolgimento delle istituzioni preposte al sistema, a partire dalla Covip, al fine di individuare le modalita' per attivare le soluzioni proposte con il documento unitario''.

Il tutto, concludono Camusso e Piccinini, ''per rispondere alla duplice esigenza di salvaguardare il diritto alla previdenza complementare nel comparto e scongiurare il rischio che con la chiusura di Artifond se ne scarichino le conseguenze sui lavoratori iscritti al Fondo''.

red-glr/sam/lv

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi