Mercoledì 05 Agosto 2020 - Ultimo aggiornamento 08:32
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
CRESCE LA DISOCCUPAZIONE IN EUROPA. IN MANIERA CONSISTENTE IN SPAGNA ED ITALIA


L'occupazione nella Ue si sta riducendo oramai da un anno, con una perdita di oltre 4,6 milioni di posti nel corso del 2009. È quanto si legge nel rapporto mensile dell'Osservatorio occupazione della Commissione Ue, in cui si sottolinea come nei primi nove mesi dello scorso anno «tra gli Stati membri più grandi l'occupazione è diminuita in maniera consistente in Spagna e in Italia, ed ha continuato a diminuire in maniera più moderata in Francia e Germania». In particolare - si legge nel focus speciale dedicato questo mese al nostro Paese - «nel 2009 hanno perso il loro lavoro più di mezzo milione di italiani (508.000), così che nell'ottobre 2009 il numero dei disoccupati ha raggiunto i 2 milioni per la prima volta dal marzo 2004». La disoccupazione, poi, ha raggiunto l'8,3% nel novembre 2009: «Si tratta del tasso più elevato degli ultimi cinque anni», si sottolinea nel rapporto, in cui però si specifica che tale livello di disoccupazione «resta attualmente sotto la media della Unione europea di 1,7 punti percentuali». «L'innalzamento piuttosto limitato nel numero dei disoccupati in Italia in rapporto alla media Ue - si legge nel rapporto - è dovuto alle imprese che hanno fatto frequentemente ricorso ai piani contro la disoccupazione e ad alcuni settori, come quello dell'industria automobilistica, che ha ricevuto aiuti massicci». Sempre in Italia - proseguono i servizi della Commissione Ue - «la principale preoccupazione resta però quella della disoccupazione giovanile, col 26,5% della popolazione sotto i 25 anni che nel novembre 2009 era senza lavoro: il 2,9% in più di un anno prima e il 5,1% in più della media Ue».
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi