Sabato 25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento 19:42
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
ROSARNO:CGIL;IN ITALIA 50.000 LAVORATORI VIVONO NEL DEGRADO


Sono circa 50.000 i lavoratori extra-comunitari che vivono in Italia in una situazione di degrado del tutto simile a quella di Rosarno. È la stima fatta dalla Flai e dalla Cgil. A fronte della drammatica situazione creatasi in Calabria - affermano in una nota congiunta la Flai e la Cgil - le dichiarazioni del ministro degli Interni Roberto Maroni «hanno dell'incredibile e rischiano di alimentare ulteriormente le tensioni innescate dall'ennesima aggressione subita da questi lavoratori». «Il Ministro - prosegue la nota - preferisce fare orecchie da mercante puntando il dito contro i braccianti extra-comunitari, da lui indicati contestualmente come responsabili della criminalità e del degrado nel quale vivono. Al Ministro evidentemente sfugge che questi lavoratori sono tenuti sotto ricatto dalla malavita italiana, che ha individuato nel lavoro agricolo un business particolarmente appetibile sul quale investire servendosi della manodopera a basso costo degli extra-comunitari». Il sindacato sottolinea poi il ricatto al quale i lavoratori extracomunitari sono sottoposti: «le paghe da fame, gli orari di lavoro massacranti e le condizioni schiavistiche nelle quali vivono sono la diretta conseguenza di una politica che fino ad oggi ha preferito, per ovvie convenienze, perseguire le vittime piuttosto che i carnefici». È evidente - conclude la nota - come si debba trovare immediatamente una soluzione, sia a Rosarno che in tutto il resto del paese, per ripristinare la legalità e un clima di civile convivenza. Ma occorre che tutti - politica, società civile e Organizzazioni delle imprese - si muovano per una volta in difesa di questi lavoratori e che si adoperino per trovare delle soluzioni accettabili che siano in grado di liberarli dalle catene dello sfruttamento e dal ricatto della malavita«.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi