Mercoledì 20 Novembre 2019 - Ultimo aggiornamento 19:20
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
INFORTUNI: SINDACATI, IN SARDEGNA 60 INCIDENTI AL GIORNO 2,5 OGNI ORA, TRE MORTI BIANCHE AL MESE


Cagliari, 17 mar. - (Adnkronos) - Tre incidenti mortali al mese, 36 in totale nel 2009, con un incremento, rispetto al 2008 del 30,5%.
Diminuiscono, invece, gli altri infortuni che, nell'anno appena concluso, sono stati 17.013, 900 in meno rispetto all'anno precedente.
In Sardegna si verificano 60 infortuni al giorno, 2,5 ogni ora. Sono alcuni dei dati illustrati ieri pomeriggio dai rappresentanti di Cgil (Marinora Di Biase), Cisl (Giovanni Matta) e Uil (Terenzio Calledda) durante l'audizione davanti alla Commissione d'inchiesta sulla sicurezza sul lavoro del Consiglio regionale della Sardegna, presieduta da Francesco Sabatini (Pd).

I sindacati hanno fatto un'analisi dettagliata della scarsa sicurezza che esiste nel mondo del lavoro in Sardegna. 'Esistono due problemi -ha detto Marinora Di Biase della Cgil- l'inefficienza della Regione e l'incapacita' di fare azione di coordinamento'. Per i sindacati e' necessario diffondere la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro, fare formazione, inserire norme che premino le aziende che puntano sulla sicurezza, inserire nei programmi scolastici anche materie come il valore della vita nel mondo del lavoro. Perche' ormai gli infortuni sono sempre piu' numerosi. I settori piu' a rischio sono quello edile, quello metalmeccanico, il turismo e il settore domestico. 'Un'altra caratteristica della Sardegna ha detto Giovanni Matta della Cisl- e' che la stragrande maggioranza degli incidenti mortali si verificano in itinere, cioe' si muore sempre piu' spesso raggiungendo il luogo di lavoro'. Per Matta e' importante il coordinamento tra soggetti che operano nel settore e che, spesso, neanche interagiscono fra loro.
'Oggi in Sardegna -ha detto Matta- la politica del lavoro e' un optional. Tanto e' vero che tra 496 aziende monitorate ben 400 non sono in regola'.

Quindi, maggiori controlli, piu' prevenzione ma soprattutto l'applicazione delle norme che ci sono ma che non vengono rispettate.
Per Terenzio Calledda della Uil e' importante rilanciare la cultura della legalita' attivando tavoli di concertazione, creando una banca dati comune, sviluppando la massima trasparenza nel mondo del lavoro.
Il presidente della commissione Sabatini ha sottolineato che e' necessario applicare al meglio le normative esistenti. 'Nello svolgere il compito che il Consiglio ci ha affidato -ha aggiunto- oltre alla relazione che presenteremo, intendiamo svolgere un ruolo di stimolo nei confronti degli assessorati alla sanita', al lavoro e all'industria per attuare quel coordinamento che e' ormai necessario'.

(Coe/Zn/Adnkronos) 17-MAR-10 10:51
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi