Giovedì 20 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento 16:26
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
LAVORO: CROTONE, OPERAI EX-SASOL SI INCATENANO DAVANTI SEDE COMUNE


Crotone, 5 mar. (Adnkronos/Labitalia) - 'Avete voi le chiavi delle nostre catene. Operai ex-Sasol'. Con questo slogan su uno striscione alle loro spalle, sei operai della stabilimento 'Kroton Gres 2000 Industrie Ceramiche srl' di Crotone (ex Sasol Italy Spa) si sono incatenati davanti alla sede del comune di Crotone, in piazza della Resistenza. Tutti gli operai dell'industria, che conta 60 dipendenti (piu' un'altra trentina dell'indotto) e che produce allumina precipitata e zeolite tecnica, sono in assemblea permanente da settimane in segno di protesta contro la nuova proprieta' dell'azienda, che, secondo i lavoratori, "non da' garanzie per il futuro dello stabilimento e non ha ancora rispettato il piano industriale che aveva presentato". Lo scorso 18 febbraio 2 operai, in segno di protesta, sono anche saliti su un silos dell'azienda.

Come spiega a LABITALIA uno degli addetti incatenati da questa mattina davanti al comune, la situazione e' incandescente. Domenico, 31 anni, crotonese, e' esasperato: "Oggi -racconta- c'e' l'ennesimo incontro in Prefettura con Spaggiari, il proprietario. Ci sta prendendo in giro da mesi, non ha le possibilita' per portare avanti un'azienda come questa, e' insolvente sotto diversi punti di vista: con noi, con i fornitori. Noi chiediamo -conclude- invece che quello di oggi sia un giorno di svolta".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi