Mercoledì 05 Agosto 2020 - Ultimo aggiornamento 08:32
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Fincantieri, protesta no stop da Palermo a La Spezia
Prosegue la mobilitazione alla Fincantieri dopo le indiscrezioni della settimana scorsa sul piano industriale che prevederebbe la chiusura di due cantieri navali su otto e tagli occupazionali anche in altri impianti. Nello stabilimento del Muggiano (La Spezia) i sindacati dei metalmeccanici hanno tenuto oggi (23 settembre) un'affollata assemblea unitaria in preparazione della manifestazione nazionale che hanno indetto per il primo ottobre a Roma con l'obiettivo di ottenere un tavolo sulla cantieristica navale presso la presidenza del Consiglio.

Al capo opposto del Paese, a Palermo, per il secondo giorno consecutivo i lavoratori del cantiere navale hanno effettuato un corteo che ha preso le mosse dal cantiere stesso e si è diretto verso la sede della Confindustria. Il gruppo con sede a Trieste ha fatto sapere durante la riunione che si è svolta in mattinata nei locali di Confindustria Palermo che sono in arrivo nove commesse relative ad alcune navi da crociera, a una piattaforma off shore e diversi mercantili. Sembra che, come spiegano i sindacati, i lavori in previsione su ogni nave dovrebbero garantire almeno circa 20 giorni di attività.Tuttavia , nel corso della riunione, è stata ribadita la necessità della cassa integrazione per 470 lavoratori su un organico di 500 dipendenti.

A Castellammare di Stabia (Napoli), il responsabile Fincantieri della Fiom, Giorgio Cremaschi, ha tenuto un comizio davanti ai cancelli del locale cantiere presidiato dai lavoratori. "Nell'incontro che avremo con l'azienda a Roma lunedì 27 settembre - ha detto - chiederemo di ritirare il piano annunciato a mezzo stampa e sin qui non smentito. Chiederemo, inoltre, di condividere con noi la richiesta dell'apertura a Palazzo Chigi di un tavolo sul settore della cantieristica navale. Sappia, in ogni caso, Fincantieri che, qualora intendesse portare avanti un disegno che giudichiamo assolutamente inaccettabile, impediremo la chiusura di ogni cantiere".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi