Venerdì 30 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento 06:08
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Fincantieri, Napolitano invita l'azienda a mettere in chiaro il piano
Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano si impegnerà «con convinzione» per cercare di «dare un mano» agli operai della Fincantieri. In questi termini ha personalmente rassicurato gli operai dei cantieri liguri che, in occasione della sua visita a Genova, lo hanno atteso oggi davanti alla sede della Prefettura. «Condivido le vostre preoccupazioni e farò il possibile per aiutarvi, nei limiti della mia possibilità» ha detto loro il presidente, che in Prefettura aveva appena ricevuto una delegazione sindacale unitaria. Il presidente ha parlato a una delegazione di sei sindacalisti genovesi, ricordando loro le cause della crisi della cantieristica. E dicendo loro - come hanno riferito i sindacati - la necessità che «in Italia si torni a fare politica industriale come in passato». Dopo il colloquio di venti minuti con la delegazione di Fiom, Fim e Uilm in Prefettura, il presidente si è impegnato a parlare di Sestri «anche con l'azienda e con il Governo». Concetto ribadito anche all'uscita della Prefettura, quando Napolitano in un 'fuori programmà molto atteso dagli operai, ha voluto attraversare di persona la strada per andare a stringergli la mano. «So benissimo che cosa sia il lavoro per voi, so benissimo cosa significhi la cantieristica a Genova» ha detto in strada agli operai. E accettando da uno di loro un adesivo («Fincantieri non si tocca, si difende con la lotta»), ha aggiunto: «Farò il possibile per aiutarvi». . Prima, in Prefettura, Napolitano aveva salutato il presidente della Regione Claudio Burlando - che gli ha regalato pasta una confezione di trofie e pesto -, il sindaco di Genova, Marta Vincenzi, e il presidente della Provincia Alessandro Repetto. Tutti avevano auspicato che la vertenza Sestri si risolva facendo conto anche sulla unità sindacale. «Nella misura delle mie possibilità, darò anch'io il mio impegno, con convinzione, perchè conosco da tanto tempo la situazione industriale di Sestri e di Genova» ha ripetuto prima di lasciare la città. Ma il presidente non ha fatto tempo a girare l'angolo che i sindacati erano già di nuovo spaccati. Un dirigente Uilm, Antonio Apa, è stato apostrofato in strada dagli stessi operai. Accusano la Uilm di aver fatto accordi separati con Fincantieri per i cantieri di Riva Trigoso e Muggiano, lasciando cadere le sorti di Sestri. Per domani la Fiom ha convocato assemblea in cantiere, le tensioni potrebbero ulteriormente salire.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi