Domenica 21 Dicembre 2014 - Ultimo aggiornamento 12:03
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
LAVORO: ART.18, GIORNATA SCIOPERI E PRESIDI
Molte manifestazione anche oggi, 26 marzo, contro la riforma del lavoro e la minaccia all'articolo 18. Hanno manifestato a Genova circa 500 operai della Piaggio Aero Industries, che hanno bloccato nella zona dell'aeroporto di Genova la rotonda di Ponente, provocando il blocco della circolazione fino allo svincolo autostradale. La manifestazione è stata indetta dalla rappresentanza sindacale unitaria Fim, Fiom e Uilm che ha deciso di effettuare due ore di sciopero contro la riforma del mercato del lavoro. Mentre a Viareggio stamattina una cinquantina di lavoratori della cantieristica si è data appuntamento davanti ai cancelli della Polo Nautica per un presidio «contro la precarietà, il taglio degli ammortizzatori sociali e la 'rottamazione' dell'articolo 18». Quasi un centinaio i manifestanti che nel pomeriggio, a Firenze, hanno organizzato un presidio davanti alla locale Prefettura. In strada esponenti politici (Sel, Idv, Fds, Perunaltracittà) e rappresentanti della cosiddetta società civile (Casa della Sinistra di Firenze e Fiesole, Sup, rete sinistra, Comitato per la difesa della Costituzione e Carovana per la Costituzione). Astensione dal lavoro a Genga, in provincia di Ancona, nello stabilimento Ariston Thermo (prodotti idro-sanitari): Fiom, Fim e Uilm hanno proclamato uno sciopero nelle ultime due ore di ciascun turno, coinvolgendo circa 300 lavoratori. Più a sud, a Foggia, è stata giudicata 'massiccià dalla Flai-Cgil l'adesione allo sciopero indetto presso lo stabilimento della Barilla, a cui, secondo l'organizzazione sindacale, avrebbero partecipato anche lavoratori iscritti ad altre organizzazioni o comunque non sindacalizzati.