Sabato 24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento 11:42
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
I mestieri in tempo di crisi? Aumentano spazzacamini, ombrellai e giostrai
Nel giorno dello sciopero dei lavoratori, e non solo, manteniamo l'attenzione su questa crisi che, laddove non porta alla disperazione, consente e costringe i cittadini a tirarsi su le maniche per reinventarsi vita e mestieri. La crisi, va detto, fa riscoprire vecchi mestieri. In Italia sono in aumento gli spazzacamini (+18% rispetto al 2011), come gli ombrellai (rimasti in 10 in attivita', si sono reinventati e allargando il proprio business) e anche i giostrai (+15,6%).

In calo invece i materassai (-11,1% in due anni) e gli stagnini (-18,8%). Il dato emerge da elaborazioni dell'Ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati del registro delle imprese.

Fra arrotini, ricamatrici, liutai, intagliatori, materassai, accalappiacani, fabbri, barbieri, spazzacamini e giostrai nel nostro paese sono quasi 30mila i lavoratori. Ad identificarsi con la professione di arrotino ben 369 imprese in Italia, 68 in Emilia Romagna,  54 in Lombardia.

Ci sono ancora 69 magnani o stagnini che scelgono il vecchio nome di riparatore delle pentole in rame. Più di 14mila i parrucchieri che usano l'antico nome di barbiere. La maggior parte si trovano in Campania (2.492) e Sicilia (2.198).

Gli imprenditori che puliscono canne fumarie, gli spazzacamino sono 315. Oltre 200 sono le merlettaie e ricamatrici (+4,1% in due anni).

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi