Lunedì 14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento 00:41
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Roma, la protesta dei vigili urbani segna il primo sciopero contro il Campidoglio
Traffico in tilt in alcune zone di Roma questa mattina, in particolare a San Giovanni. La protesta dei vigili urbani ha bloccato il centro storico della Capitale e diverse consolari come la Tiburtina, e la Salaria. Disagi forti si sono avuti anche sulla Cristoforo Colombo. Diverse centinaia di agenti non sono usciti in strada perchè hanno aderito all'assemblea generale dell'Ospol, il sindacato dei caschi bianchi.
Da poco superato il traguardo dei cento giorni, il sindaco di Roma ha dovuto incassare il primo sciopero al Campidoglio. Il casus belli è la nomina di un carabiniere alla guida della Municipale. Oreste Liporace, che ha ricoperto il grado di colonnello, ha un curriculum di tutto rispetto. Si è fatto le ossa contro la camorra a Napoli. E con l’aria che tira a Roma dal punto di vista della criminalità non è che sia da considerare la persona sbagliata nel posto sbagliato. I pizzardoni, che in quanto a guai giudiziari non hanno lezioni da prendere da nessuno, non ne vogliono sapere. E così hanno pensato di preparare l’accoglienza al nuovo comandante con una protesta coi fiocchi. Ma questa è solo una parte del racconto. L’altra buona metà ha a che fare con lo stato di disagio che vivono i vigili urbani a causa delle non buone condizioni di lavoro. Turni massacranti, mancanza di organico, mezzi inadeguati . Nei giorni scorsi c'erano state alcune assemblee preparato nei vari municipi, tutte molto partecipate.
Gli oltre mille vigili, che questa mattina hanno partecipato all'assemblea convocata dall'Ospol, si dicono "offesi" dalle parole di ieri del sindaco di Roma Ignazio Marino che si è detto fiducioso che Liporace possa "restituire l'orgoglio" al Corpo dei caschi bianchi. "Questa mattina hanno partecipato oltre mille vigili all'assemblea - commenta il segretario dell'Ospol Stefano Lulli - che hanno manifestato il loro dissenso. Si sentono offesi, con la dignità calpestata da quanto ha detto ieri il sindaco. Si sentono in stato di abbandono. Per correttezza attendiamo l'incontro di domani in Campidoglio ma se non ci soddisferà e alcune richieste non saranno accettate, come ad esempio, lo sblocco dei fondi per gli straordinari, faremo assemblee tutta la settimana fino ad arrivare poi allo sciopero".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi