Martedì 21 Gennaio 2020 - Ultimo aggiornamento 11:29
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Ryanair, parte la rivolta dei piloti. "Condizioni di lavoro difficili. Indagate sulla sicurezza"

Dopo anni di silenzio i piloti della Ryanair hanno lanciato ieri a Bruxelles la loro prima rappresentanza sindacale. E da subito dichiarano guerra a Michael O'Leary. "La situazione diventa sempre peggiore, e' arrivato il momento di negoziare a partire da un contratto comune per tutti", ha affermato il Presidente del RPG, Ryanair Pilot Group, Evert van Zwol. Dietro di lui, oltre 1.600 piloti Ryanair su 3.200 hanno aderito all'associazione, nel piu' completo anonimato per non rischiare di perdere il lavoro. Non è la prima volta i dipendenti della compagnia di bandiera si trovanoa dover fronteggiare una rivendicazione sulle loro condizioni di lavoro.

Le rivendicazioni sono di natura lavorativa, mentre per ora non si parla di sicurezza. "Non e' una nostra competenza - riconosce Samuel Giezendanner, membro del board del RPG - chiediamo pero' alle autorita' competenti di indagare: le condizioni di lavoro difficili possono avere degli effetti" sulla sicurezza. Le rivendicazioni, contenute in una lettera inviata ai vertici della societa', sono cinque: "contratto comune per tutti i piloti", mentre attualmente oltre il 72% dei piloti ha un contratto da esterno, "risoluzione dei problemi fiscali" legati alla suddivisione dei piloti su 75 basi operative in Europa, "sistema trasparente per le ferie", soprattutto estive, un "metodo di trasferimento chiaro" del personale tra le basi e, infine, "il reintegro di tutti i piloti sanzionati" durante la creazione di questo sindacato. Per ora O'Leary ha rigettato qualsiasi proposta di dialogo. "Dice che negozia solo con un pilota alla volta", spiega ancora Giezendanner, "non risponde alle nostre richieste, anzi, l'unica reazione e' di carattere legale: vuole accusarci di diffamazione". Nessuno dei piloti presenti al lancio del RPG e attivo nei suoi organi di rappresentanza e' attualmente alla Ryanair, "hanno paura di essere licenziati", assicura Nico Voorbach, Presidente dell'Associazione europea dei piloti.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi