Venerdì 18 Settembre 2020 - Ultimo aggiornamento 21:29
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Cgil: Messaggio di Di Vittorio è più attuale che mai
“L’impegno e il messaggio di Giuseppe Di Vittorio sono ancora straordinariamente attuali. L’attuale contesto sociale, politico e culturale del nostro paese ci spinge a riprendere il messaggio di Di Vittorio sulla cultura, in particolar modo. Crediamo che la peggiore crisi che stiamo vivendo sia da riferirsi proprio allo scardinamento della cultura dalla società e le conseguenze sono evidenti sia a livello politico sia a livello di rapporti sociali. L’importanza di conoscere il mondo, la storia, permette una reale riflessione politica sul presente e sul futuro e questa riflessione deve tornare ad essere elemento normale dei cittadini e dei più giovani.”

E’ il messaggio che la Cgil e l’Associazione Casa Di Vittorio desiderano proporre alla riflessione pubblica in occasione dell’annuale ricorrenza della morte di Di Vittorio. Inoltre “Proprio i giovani e la cultura saranno il tema attorno al quale intendiamo riflettere nel corso di una iniziativa pubblica che terremo a fine novembre, dopo un percorso di indagine che vogliamo condurre tra gli studenti delle scuole di Cerignola”.

“Il rischio grave che corriamo – sottolineano la Cgil e l’Associazione Casa Di Vittorio – è che venendo meno il legame tra sapere e l’accesso al mondo del lavoro, i giovani possano essere portati a sottovalutare il valore della conoscenza, che in ogni caso è elemento indispensabile del sapere critico e dell’esercizio personale e comune della cittadinanza. L’insegnamento di Di Vittorio è che non basta che i diritti vengano riconosciuti ma che tutti vengano messi nelle condizioni di poter esercitare i propri diritti e la condizione prioritaria affinché ciò avvenga è proprio la cultura”.

“Il sapere e la cultura come strumento di riscatto sociale e di emancipazione sono stati architrave del pensiero e dell’azione di Giuseppe Di Vittorio. Per questo l’esercizio della memoria attorno al suo impegno non sono mai mera ritualità ma occasione di riflessione e analisi rispetto all’attualità, alle sfide di oggi che devono essere dell’intero Paese, pena la crescente esclusione sociale e il complessivo impoverimento economico e culturale”. 
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi