Venerdì 30 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento 06:08
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Legge di stabilità, anche i pensionati scendono in piazza: manifestazione il 29 novembre a Roma
E' ancora battaglia sulla legge di stabilità. Dopo lo sciopero generale territoriale. Scendono in canpo i pensionati. Tutela del potere d'acquisto delle pensioni; politiche per il lavoro, l'equità e la giustizia sociale; equa redistribuzione della ricchezza a favore di lavoratori e pensionati; attuazione di politiche in grado di garantire un welfare universalistico; legge nazionale a sostegno delle persone non autosufficienti e delle loro famiglie; contrasto agli sprechi e ai privilegi: con questi obiettivi, Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil  venerdì 29 novembre si riuniranno a Roma.

Si tratterà di una manifestazione  unitaria per chiedere a Governo, Parlamento e forze politiche modifiche al ddl e un confronto sui temi rivendicativi che le tre organizzazioni sindacali stanno portando avanti per la tutela dei pensionati.

La manifestazione , che si svolgerà al Teatro Italia, 18, si inserisce, spiega una nota unitaria, nel quadro delle manifestazioniunitarie a livello territoriale e regionale a sostegno delle istanze dei pensionati e dei lavoratori già n corso di svolgimento nelle diverse Regioni. L'obiettivo è quello di coinvolgere e sensibilizzare cittadini e parlamentari per ottenere cambiamenti significativi alla legge di Stabilita', a partire dalla riduzione della pressione fiscale sui lavoratori e sui pensionati e dalla rivalutazione delle pensioni.

Sulla manovra è intervenuta anche Confindustria. "L'Italia ha bisogno di più coraggio e determinazione per uscire dallo stallo e l'ho scritto in una lettera che ho inviato al presidente del Consiglio". E' quanto precisa il presidente di Viale dell'Astronomia Giorgio Squinzi che, dopo aver annunciato ieri l'invio di una lettera al presidente del Consiglio, spiega oggi, in linea di massima, quanto in quella lettera Confindustria chiede."Dobbiamo uscire dallo status quo in cui ci siamo immersi negli ultimi decenni -ha sottolineato Squinzi- e bisogna riuscire a ritrovare la via della crescita perche' Dio solo sa quanto ne abbiamo  bisogno".

Il governo, intanto cerca di raddrizzare il tiro, almeno di fronte all'Europa. Da quando abbiamo approvato la bozza della legge di stabilità, sulla quale la Commissione europea ha espresso la sua preoccupazione la scorsa settimana,"è passato un mese abbondante" e "ci sono state nuove cose". Il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni è quindi a Bruxelles per presentare ai partner dell'Eurogruppo "le nuove misure che abbiamo preso, le privatizzazioni, la spending review, il progetto per le quote della Banca d'Italia e altre cose che secondo noi rispondono alle richieste della Commissione europea", ha detto il ministro al suo arrivo al palazzo del Consiglio europeo.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi