Martedì 25 Febbraio 2020 - Ultimo aggiornamento 12:00
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Roma, la rivolta autorganizzata degli autisti contro l'arroganza dell'Atac
Monta la protesta autogestita degli autisti Atac. Oggi è arrivato un piccolo assaggio, la "scopertura dello straordinario". E l'azienda è andata subito in allarme, tanto da mobilitare la prefettura.
Il punto è che non si tratta di uno sciopero ma dell'osservanza scrupolosa delle regole del servizio. Per ora i numeri, di quella che possiamo però definire una protesta, sono di tutto rispetto. In undici rimesse Atac tutte percentuali che vanno dall'80 al 100%. Solo in un caso, a Portonaccio, la percentuale di quelli che si sono rifiutati di fare lo straordinario si è fermata al 50%. La protesta durerà per tutta la settimana. Il ballo è appena cominciato.
Perché l'Atac è nel panico? Semplice, il lavoro straordinario a causa della forte carenza d'organico, permette che ben il 30% del servizio vada avanti. Senza contare che la media delle ferie non godute dovrebbe aggirarsi intorno ai due mesi. Tutte voci che gravano sul bilancio dell'azienda, ovviamente. Una vera e propria follia gestionale, in una azienda di trasporti dove per ogni autista ci sono quattro addetti amministrativi. Certo, Atac è stata il "fiore all'occhiello" della parentopoli di Alemanno, ma la situazione ormai è al collasso.
Mercoledì ci sarà il sit in sotto le finestre del Campidoglio ma gli autisti avvertono "noi ci distingueremo dai sindacati". E non serve tanta fantasia per capirne le ragioni. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la mancata corresponsione del premio di risultato pattuito: solo 250 euro su circa 700. E la reazione sindacale si è fatta attendere o è stata inadeguata. Di per sé sembra una cosa da nulla. In realtà, agli occhi degli autisti, che sono costrettti a subire turni massacranti di lavoro, malattie professionali, mezzi inadeguati in tutto e per tutto, fino alla mancanza dei bagni chimici ai capolinea, ha rappresentato l'ultimo torto. E all'ultimo torto, si sa, si reagisce. Basti dire che l'autorganizzazione è nata in poche ore sui socialnetwork ed ha raccolto più di tremila contatti. I dipendenti sono in totale cinquemila. Fatti due calcoli, come si diceva una volta, l'adesione è stata massiccia. "Noi scopriremo gli straordinari dal 4 al 10 novembre - scrivono su Fb -. Se tutto va come deve Roma sarà al tappeto e sarebbe interessante raccontare la verità su una azienda che toglie soldi alla forza lavoro in immensa carenza d organico mentre stipendia i dirigenti con decine di migliaia di euro l anno. Dati pubblicati su internet".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi