Giovedì 20 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento 16:26
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


San Raffaele, i sindacati pronti a un "sacrificio economico"
Questa voltaè probabile che la trattativa tra sindacati e amministrazione dell'ospedale San Raffaele arriverà a un risultato reale: i rappresentanti dei lavoratori infatti hanno fatto in questi giorni una proposta nuova, secondo la quale c'è un "piccolo sacrificio economico", inferiore a quello previsto dall'accordo poi bocciato con il referendum, e la discussione solo "del problema economico e non di altri punti che possono diventare critici".

Lo anticipa Margherita Napoletano, delegata Usb dell'Rsu. Domani, lunedì 29 aprile, alle ore 15:00, i delegati sindacali del San Raffaele e azienda sono convocati in via Taramelli 24 a Milano, nela sede dell'Arifl, l'agenzia regionale incaricata dalla giunta lombarda come mediatore, per far ripartire la trattativa.

Dalle 15 alle 17 inoltre i lavoratori licenziati saranno in presidio davanti alla sede Arifl.

"Abbiamo parlato di questa proposta con l'Arifl - spiega - che ha saggiato il terreno anche con la proprietà. E se ci hanno convocati vuol dire che forse qualcosa si muove. Abbiamo tolto delle pregiudiziali dal tavolo e ci aspettiamo che anche l'azienda faccia altrettanto. Ci aspettiamo un forte senso di responsabilità - aggiunge Daniela Rottoli, coordinatrice dell'Rsu - anche da un punto di vista sociale, da parte della proprietà del San Raffaele, nell'auspicio che l'Amministrazione abbia davvero intenzione di far rientrare immediatamente i 64 colleghi già licenziati, ritirando la procedura per i 244 licenziamenti collettivi dichiarati esuberi".

La disponibilità a fare sacrifici per uscire dalla crisi "c'è sempre stata - continua Rottoli - ma con la prospettiva che, una volta messi in ordine i conti, di cui la stessa Regione vuole avere rendicontazione per procedere con la necessaria trasparenza, le quantità economiche vengano ripristinate".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi