Mercoledì 20 Novembre 2019 - Ultimo aggiornamento 19:20
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Golden Lady di Gissi, cronaca di una riconversione-truffa.

«Io e mia moglie speravamo almeno nel suo stipendio. E invece…». Così esprime la disillusione per la riconversione fallita della Golden Lady di Gissi (Ch), il marito di una delle lavoratrici in presidio permanente davanti ai cancelli della fabbrica, dove fino a maggio 2012 si producevano le calze del marchio Golden Lady. Anche lui è in cassa integrazione da molti mesi, e cosa ne sarà della sua azienda, la Sider Vasto, anch’essa fino a pochi giorni fa presidiata dai lavoratori, non lo sa.

“Macchinari usciti nottetempo, ecco la delocalizzazione”
Il 25 novembre 2011 la Golden Lady chiude i battenti. I macchinari, usciti senza troppo rumore dallo stabilimento di Gissi, sono stati trasferiti in Serbia. Lì la mano d’opera costa molto meno e lo sfruttamento può essere portato a livelli più alti, senza troppe noie per il patron Golden Lady, Nerino Grassi. La disperazione delle lavoratrici e dei lavoratori è stata per un periodo attenuata, quando a maggio dello scorso anno ci fu la tanto attesa riconversione. Alla Golden Lady, nello stabilimento di Gissi, sono subentrate la Silda Invest S.p.A. e la New Trade S.r.l. La società di Nerino Grassi favorì questa grottesca e finta riconversione, pagando alla Silda 10.800 € per ogni lavoratore assunto (in realtà era l’incentivo all’uscita volontaria che Golden Lady offrì a dipendenti), ed affidando gratuitamente il capannone alla New Trade, per sette anni. Golden Lady ha così sottratto il suo marchio all’infamia di aver lasciato a casa quasi 400 persone. Ma è chiaro che dell’attuale disperata situazione nella quale si trovano i suoi ex dipendenti, la Golden Lady ha la sua parte di responsabilità.

“Peggio di un anno e mezzo fa grazie a una fantomatica rivoncersione”
E la situazione attuale è peggiore di quella di un anno e mezzo fa, quando la Golden Lady chiuse definitivamente la fabbrica di Gissi. Allora, nella situazione pure drammatica, c’era il sostegno della cassa integrazione, poi la prospettiva della mobilità, ed anche l’incentivo all’uscita volontaria di 10.800 euro: una miseria guardando al futuro, ma comunque un piccolo polmone per tirare avanti qualche tempo. Oggi, davanti alle lavoratrici ed ai lavoratori Golden Lady (senza ‘ex’, come dicono molte lavoratrici, perché senza riconversione la Golden Lady non può sottrarsi dalle sue responsabilità), si para un futuro nero: lunedì 15 luglio sono stati costretti ad iscriversi alle liste di mobilità, per non perdere anche quest’unico ammortizzatore sociale rimasto nelle loro possibilità. Ecco quello che rimane di una riconversione mai davvero esistita, ma della quale in troppi si sono riempiti la bocca. Nessuno dimentica, ad esempio, che il PDL affisse manifesti in tutto il territorio, arrogandosi i meriti di posti di lavoro che allora, ai più, sembravano salvi. Si era in odore di campagna elettorale; chissà cosa si inventeranno per le elezioni regionali abruzzesi che si terranno tra qualche mese. Di quella fantomatica riconversione rimane solo la disillusione di quasi 400 lavoratrici e lavoratori, dopo mesi di duro lavoro che, dal racconto di chi era stato momentaneamente ricollocato, era al limite dello sfruttamento. Mesi in fabbrica a ritmi altissimi, spesso senza protezioni e senza stipendio.

“Quali verifiche ha svolto il ministero dello Sviluppo economico?”
In questi mesi, la New Trade ha subito anche il sequestro dei materiali da parte della Guardia Forestale. Non solo: è anche capitato che i dipendenti, pure senza stipendio da mesi, andando al lavoro, si sono anche ritrovati i cancelli chiusi. Intanto la Silda mostrava sempre più la propria fragilità. Raccontano infatti i lavoratori in presidio, che la Silda non solo non ha pagato alcuni stipendi, ma è debitrice anche nei confronti dei fornitori ed oggi ha addirittura alcune utenze staccate dal gestore.

È ovvio chiedersi quali verifiche abbia svolto il ministero dello Sviluppo Economico, quando affidò la riconversione a queste due società. Possibile che non si siano accorti della loro inaffidabilità, ormai palese agli occhi di chiunque? Perché nessuno ha monitorato il rispetto degli accordi di riconversione? E ancora, i soldi che la Silda ha ricevuto da Golden Lady, i 10.800 € che ogni dipendente Golden Lady sacrificò per di fatto comprarsi il nuovo posto di lavoro, che fine hanno fatto? Si tratta di circa 2,5 milioni di euro che nessuno sa dire a quale titolo siano stati offerti alla Silda, in che voce di bilancio sono finiti e come sono stati impiegati.

“O si lotta uniti o si perde”
Risposte che devono essere date a quasi 400 lavoratrici e lavoratori (ex?) Golden Lady, finora presi in giro. Intanto loro, a turno, presidiano lo stabilimento, affinché dalla fabbrica non escano materiali, e soprattutto macchinari. Ora le sorti di chi era stato ricollocato in Silda e di coloro che erano stati reimpiegati in New Trade devono riunirsi. I padroni, dicono alcuni lavoratori, erano riusciti a creare tensioni e divisioni. Ma ora c’è di nuovo tutta l’evidenza di essere sulla stessa barca: se questa affonda, affondano tutti. Perciò occorre remare tutti nella stessa direzione. Insomma, fa notare molto giustamente una lavoratrice, o si lotta uniti tutti insieme o tutti insieme inevitabilmente si perde.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi