Mercoledì 17 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento 16:17
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Termini Imerese, c'è la proroga di un anno della Cig, ma nessun futuro industriale

Ancora un anno di cassa integrazione e un futuro industriale tutto da costruire. A Termini Imerese c’è molta delusione tra le tute blu dopo l’ennesimo incontro ieri al Mise che ha certificato da una parte il perdurante disinteresse della Fiat e, dall’altra, lo stato comatoso delle istituzioni che continuano a costruire castelli in aria senza riuscire ad individuare una ipotesi seria di ripartenza. ''Non c'e' nessun impegno concreto'', afferma il leader della Fiom, Maurizio Landini, uscendo dall’incontro. Si dice ''un po' scettico'' anche il segretario nazionale Uilm Eros Panicali:''Alcune iniziative erano gia' presenti a dicembre 2010. Perche' non sono partite?'', domanda. ''Sembra che le istituzioni abbiano trovato soluzioni a tutti i mali di Termini Imerese, speriamo che si concretizzino'', conclude il segretario della Fim Cisl Ferdinando Uliano. Tutti concordano sulla necessita' di verificare bene le proposte e estendere gli ammortizzatori ai lavoratori dell'indotto, circa 400. Il prossimo incontro del tavolo sara' a settembre. Il sottosegretario Claudio De Vincenti ha presentato quattro proposte per la reindustrializzazione della fabbrica siciliana, ''in stato avanzato'', ''serie'' e ''concrete'' che coprirebbero però appena 500 posti di lavoro mentre i lavoratori interessati, tra indotto e diretti, sono attorno ai 4.000. Oltre ai piani noti da due anni di Biogen e Newcoop, ci sarebbero quelli di Landi per la trasformazione dei bus in ibridi e del Gruppo Mossi&Ghisolfi per la produzione di biocarburanti di seconda generazione. Sui biocarburanti e' al lavoro il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, che pensa di impiegare nelle coltivazioni anche ''quei forestali che dicono che abbiamo in esubero''. Crocetta inoltre illustra una manifestazione d'interesse ''concretissima'' da parte della societa' svizzera Radiomarelli che riguarda tecnologie innovative per l'energia e ha un impatto occupazionale di circa 500 lavoratori.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi