Domenica 24 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento 17:33
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


"Cuori d'acciaio": Terni in sciopero per difendere Ast
E' tutto pronto, in una città che da giorni è immersa in un clima tesissimo, reso inacendescente dall'atteggiamento aggressivo e distaccatto di Thyssenkrupp che continua a prendere provvedimenti dagli effetti pesantissimi per la comunità ternana e in maniera assolutamente unilaterale. Da ultimo, la decisione di imporre un taglio del 20% sul costo delle commesse alle società esterne che lavorano all'interno di Ast, tra cui Ilserv (oltre 300 dipendenti). 

Nella giornata di ieri , 15 ottobre, la reazione dei lavoratori è stata dura. Per molte ore viale Brin, sede delle acciaierie, è rimasto bloccato. Sono stati anche dati alle fiamme alcuni cassonetti della spazzatura. Poi nella notte ancora un corteo spontaneo per le vie delle città. Intanto, la fabbrica, tutta, è nuovamente in sciopero e resterà ferma fino a sabato, visto che domani, venerdì 17 ottobre, è il giorno dello sciopero generale. 

“Che sia uno sciopero di tutta Terni , di tutta l’Umbria e dell’intero paese. Che sia uno sciopero in difesa del lavoro, ma anche capace di avanzare con chiarezza una proposta alternativa alla logica dello smantellamento imposta da ThyssenKrupp per un presidio produttivo fondamentale per il nostro territorio e per il paese”, hanno scritto oggi in una nota Cgil, Cisl e Uil di Terni, appellandosi all’intera comunità regionale umbra per chiedere la massima partecipazione e la massima compattezza, in una battaglia decisiva per il futuro dellla regione e dell’industria italiana.

“Domani da Terni partirà un messaggio chiaro indirizzato prima di tutto al governo – affermano i tre sindacati – che deve riaprire la trattativa a palazzo Chigi, su basi completamente diverse da quelle che si erano determinate al Mise. Va avviata immediatamente una procedura d’urgenza per evitare i licenziamenti, attraverso il ricorso ai contratti di solidarietà, non solo in Ast, ma in tutto il sito produttivo, ditte terze comprese. Inoltre – proseguono Cgil, Cisl e Uil di Terni – è necessario avere chiaro l’obiettivo strategico finale: mantenimento dell’unitarietà del sito, proiezione internazionale, ruolo di primo piano nella competizione con i grandi produttori di acciaio mondiali”. “Solo a questi condizioni – dicono i sindacati ternani – il futuro di Ast, di Terni e dell’intera siderurgia italiana non risulterà compromesso, come invece sarà inevitabilmente se prevarrà la logica predatoria di ThyssenKrupp che l’esecutivo non ha finora contrastato”.

Lo sciopero generale di otto ore di domani, 17 ottobre, sarà accompagnato da una grande manifestazione cittadina che partirà alle ore 9.00 dai cancelli di Ast in viale Brin, per poi raggiungere piazza della Repubblica nel centro storico di Terni. Qui si terranno i comizi conclusivi con gli interventi di Luigi Angeletti, segretario generale della Uil, Giuseppe Farina, segretario generale della Fim Cisl, e Susanna Camusso, segretario generale della Cgil. 
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi