Sabato 23 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento 15:04
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Lavoratori in piazza contro il Governo Renzi. Oggi lo sciopero generale del sindacalismo di base
Oggi in Italia c’è lo sciopero generale. Il primo rimediato dal Governo REnzi, che proprio in questi giorni sta cercando di incassare una manovra di tagli e tagli. Sciopero generale di 24 ore proclamato da Usb, Or.S.A. e Cib Unicobas, contro il jobs act, in difesa e per l'estensione dell'art.18 dello Statuto dei Lavoratori; contro il blocco dei contratti nel pubblico impiego e per l'occupazione. Le manifestazioni si terranno a Trieste, Trento, Torino, Novara, Alessandria, Genova, Milano, Venezia, Vicenza, Bologna, Firenze, Perugia, Napoli, Campobasso, Potenza, Bari, Catanzaro, Catania, Palermo, Cagliari. A Terni, presidio presso la Ast. A Roma si terra' la manifestazione regionale del Lazio, con delegazioni provenienti anche da Marche ed Abruzzo. Il corteo, con concentramento alle 9.30 in piazza dell'Esquilino, sara' aperto dai lavoratori Meridiana e terminera' a piazza SS. Qui la diretta dell'intera giornata. Altri materiali si possono trovare qui.
La protesta è indetta anche "per l'occupazione e in difesa dell'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori". “Il 24 ottobre c'è uno sciopero generale che può essere utilizzato da chiunque volesse dare un segnale forte – sottolinea Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale Usb, in una intervista - e cade proprio nel momento nel quale si sta facendo passare il peggio del peggio in parlamento e sui posti di lavoro: tutti sono invitati a partecipare, soprattutto chi in Cgil continua a fare opposizione interna e chi continua ad evocare mediaticamente l'occupazione delle fabbriche ma non riesce ad esprimere all'esterno reale e concreto conflitto sociale. In questo senso ci rivolgiamo però soprattutto a quei delegati e a quegli iscritti della Cgil che chiedono lo sciopero generale e sono sempre più delusi: lo strumento c'è, il 24 Ottobre, utilizzatelo!”.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi