Venerdì 18 Gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento 08:30
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
La porcata di Natale. Renzi estende il regime del licenziamento individuale a quelli collettivi

"Altro che rivoluzione copernicana", il governo Renzi "ha cancellato il lavoro a tempo indeterminato, generalizzando la precarizzazione". Alla fine di una lunga giornata tra polemiche e scontriinterni alla maggioranza e all’esecutivo,l’unica parola di verità sul Jobs act vienedalla leader della Cgil, Susanna Camusso, che bolla i decreti attuativi come norme "ingiuste, sbagliate e punitive". Non usa mezze misure, Camusso. "Altro che rivoluzione copernicana –dice – a leggere per norme viene da chiedersi cosa abbiano mai fatto i lavoratori a Matteo Renzi". La Cgil non trascura di sottolineare come ancora una volta si è scelto di penalizzare i giovani e i nuovi assunti. Anche per questo la Cgil continuerà "ad opporsi in modo forte e deciso a queste norme ingiuste, sbagliate e punitive, nei confronti dei lavoratori e - continua Camusso - userà tutti gli strumenti a sua disposizione per ripristinare i diritti dei lavoratori".

Le nuove regole per i licenziamenti, con l'indennizzo che per i nuovi contratti sostituirà in quasi tutti i casi il reintegro dell'articolo 18. Reintegro che però resterà a fronte di una 'condanna' per licenziamento ingiustificato e non potrà essere superato dal datore di lavoro con un super-indennizzo (opting out). Gli indennizzi per i licenziamenti ingiustificati andranno da 4 a massimo 24 mensilità; l'aumento sarà di due mensilità per ogni anno di servizio.Ma la norma più penalizzante di tutti è quella che estende “lo stesso regime" dei licenziamenti individuali ai collettivi. Le nuove norme,infine, valgono anche per sindacati e partiti, prima esclusi.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi