Sabato 25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento 19:42
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Roma, la lotta dei lavoratori dell'e-commerce della Unicop contro gli esuberi

Attimi di tensione all’Ipercoop Casilino di Roma, dove nel primo mattino di oggi è stato impedito ai dipendenti dell’e-commerce Coop in sciopero di manifestare davanti alla propria sede di lavoro. Il presidio ora prosegue sul marciapiede di via Casilina, fuori dal perimetro del centro commerciale.

Dallo scorso 16 aprile lo sciopero degli addetti e-commerce sta di fatto bloccando “La spesa che non pesa”, il servizio di spesa on line per i soci Unicoop Tirreno appaltato alla società Fiege Borruso ND e sub appaltato alla cooperativa Futura Servizi.

A seguito di un accordo fra azienda e Cgil Cisl Uil, che sancisce la fine dell’appalto con la Futura Servizi, gli addetti alla “La spesa che non pesa”, perderanno il posto di lavoro dal 30 giugno prossimo.

L’USB Lavoro Privato, che ha dichiarato lo sciopero e sostiene la lotta dei lavoratori della Futura Servizi, condanna l’allontanamento dei lavoratori in sciopero e in presidio:

“I centri commerciali si spacciano per le agorà del nuovo millennio, ma al loro interno si rivelano come delle grandi ‘zone rosse’, dove non è possibile esercitare diritti costituzionalmente garantiti come quello di manifestare”, dichiara dal presidio Francesco Iacovone, dell’USB Lavoro Privato.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi