Giovedì 17 Gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento 08:30
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Art. 18, Fiom: "E' gravissimo attaccare i diritti. Per uscire dalla crisi, investimenti straordinari"
La questione dell'abolizione dell'articolo 18 dello statuto dei lavoratori continua ad agitare la maggioranza. Il Nuovo centrodestra, che nei giorni scorsi aveva proposto che il tema venisse inserito nel decreto legge cosiddetto 'Sblocca-Italia', anche ieri, per bocca dei ministri Angelino Alfano e Maurizio Lupi, ha continuato a rilanciare l'argomento in termini perentori. "Abolizione dell'articolo 18 entro la fine di agosto", chiede il primo. "Non è solo un totem della sinistra da abbattere ma è il segnale più importante per dire che il sistema italiano del lavoro è cambiato", aggiunge il secondo.
Parole che innescano una replica davvero poco convincente del vicesegretario del Pd Lorenzo Guerini. La questione lavoro "sarà affrontata con la delega che in questo momento e' in discussione al Senato. In quest'ambito – assicura - affronteremo senza chiusure pregiudiziali le proposte che verranno messe in campo. Anticipare quella discussione a strumenti che non sono propri credo sia sbagliato. Dentro la delega ci sono vari argomenti oggetto di riflessione, in particolare le politiche attive per il lavoro. Li' ragioneremo senza tabù ideologici ma anche senza la tentazione di piantare bandierine".

Più decisa la reazione del segretario della Fiom Maurizio Landini, per il quale mettere mano allo Statuto dei lavoratori "sarebbe un errore gravissimo". L'articolo 18, secondo Landini, "è l'ultimo dei problemi dell'Italia. Tra l'altro è già stato modificato (riforma Fornero, ndr) e non ha creato nessun posto di lavoro, anzi ci sono stati più licenziamenti per motivi economici".

"Se il governo - ha detto Landini ai microfoni di Sky Tg24 Hd - vuole creare lavoro, deve mettere a punto dei piani straordinari di investimento, una politica industriale degna di questo nome. Se hanno in mente di seguire un'altra strada o i cattivi consigli di Alfano, debbono sapere che è un modo per gettare benzina sul fuoco in un Paese che è già sull'orlo di una situazione di tenuta sociale molto difficile".

"Noi abbiamo intenzione di mobilitare i lavoratori - ha aggiunto il leader dei metalmeccanici Cgil - perchè vogliamo chiedere al governo di fare davvero dei cambiamenti di politica industriale e di aprire una discussione vera con l'Europa: ci sono una serie di vincoli europei che vanno cambiati".
Critiche a Ncd da destra arrivano da Renata Polverini, ex segretaria generale dell’Ugl e ora di Forza Italia. "Stupisce che ancora ci sia qualcuno che possa ritenere l'articolo 18 come un'inibizione alle assunzioni e un limite alla flessibilità. Il problema della disoccupazione non si può attribuire ai diritti conquistati dai lavoratori bensì a un sistema economico asfittico incapace di creare nuova offerta di lavoro".

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi