Lunedì 20 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento 19:24
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Lavoro, disoccupazione giovanile segna nuovo record. Ferrero: Come con la Thatcher aumentano solo disoccupazione e precarietà.

Secondo l'Istat i disoccupati tra i 15-24enni sono 710 mila. L'incidenza dei disoccupati di 15-24 anni sulla popolazione in questa fascia di età è pari all'11,9%, stabile rispetto al mese precedente ma in aumento di 0,7 punti percentuali su base annua. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, ovvero la quota dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca, è pari al 44,2%, in crescita di 1,0 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 3,6 punti nel confronto tendenziale.

Il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente mentre diminuisce dello 0,5% rispetto a dodici mesi prima. Il tasso di inattività, pari al 36,4%, cresce di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali mentre diminuisce di 0,1 punti su base annua.

Paolo Ferrero, segretario nazionale del Prc, commenta così i dati istat: "I dati della disoccupazione giovanile parlano del disastro che Monti, Letta e Renzi stanno combinando all’Italia con le loro politiche recessive. Con Renzi come con la Thatcher aumentano solo la disoccupazione e la precarietà mentre l’economia ristagna. Togliere l’articolo 18 farà aumentare la disoccupazione perché servirà a ridurre i salari e quindi i consumi interni. Per aumentare l’occupazione serve un piano pubblico per il lavoro in cui lo stato dia lavoro direttamente a centinaia di migliaia di giovani a fare lavori utili come il riassetto del territorio, la valorizzazione del patrimonio archeologico, la manutenzione degli edifici pubblici e degli acquedotti: serve un New Deal italiano. Al contrario la proposta di inserire il TFR in busta paga serve solo a ridurre ulteriormente i redditi che i lavoratori ricavano dal loro lavoro nell’arco della vita lavorativa: uno scippo che abbiamo già bloccato trent’anni fa con un referendum che restituì il TFR a chi lavora".

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi