Giovedì 22 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento 18:13
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Scuola in piazza: oggi Gilda, Snals Cgil, Cisl e Uil e il 24 tocca a Usb, Unicobas e Anief
Oggi i sindacati della scuola - Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda - manifesteranno a Roma, in piazza SS. Apostoli, per dire no al progetto di scuola delineato nel disegno di legge e chiederne profonde modifiche.
In strada ci sarà "la vera scuola, quella di chi ogni giorno ne vive in diretta le difficoltà, i disagi e i problemi, mettendo in campo per risolverli le risorse della sua competenza e della sua passione". Saranno i rappresentanti delle Rsu i protagonisti della giornata che si alterneranno sul palco con i segretari generali dei sindacati di categoria (parteciperanno all'evento anche i leader confederali) "per ribadire con forza le richieste su cui da settimane il mondo della scuolaè mobilitato: no a modelli di gestione autoritaria che stravolgono i principi di un'autonomia fondata sulla collegialità; subito un piano di assunzioni che assicuri la stabilità del lavoro per tutto il personale docente e Ata impiegato da anni precariamente; organici adeguati al fabbisogno; rinnovo del contratto scaduto da sette anni; no a incursioni per legge su materie soggette a disciplina contrattuale, come le retribuzioni e la mobilità del personale; avvio di una strategia di forte investimento su istruzione e formazione".
Una mobilitazione che con molta probabilità non si concluderà oggi: i leader sindacali hanno già fatto sapere che sono pronti allo sciopero (un'astensione dal lavoro del personale scolastico è già stata proclamata da altre sigle del settore - Anief, Unicobas e Usb - per il 24 aprile).
Le contestazioni vengono tuttavia considerate quasi fisiologiche dal Governo. "Stiamo facendo una riforma della scuola straordinaria e rivoluzionaria. E' normale – ha commentato il sottosegretario all'Istruzione, Davide Faraone - che ci siano delle diffidenze e dei conservatorismi. Noi ascoltiamo e ascolteremo tutti fino all'ultimo giorno utile per l'approvazione in Parlamento. E' chiaro però che stiamo cambiando la scuola in meglio rendendola pi— produttiva e più legata al mondo del lavoro e al territorio. Siamo fiduciosi che questa riforma avrà ricadute molto positive sulla nostra società".
Intanto il ddl contestato attraversa la prossima settimana un passaggio cruciale: lunedì, alle 12, scade il termine per la presentazione degli emendamenti la cui ammissibilità verrà valutata martedì per poi passare il giorno successivo all'esame delle proposte di modifica ritenute idonee. In mano ai parlamentari della commissione sono arrivati anche i tabulati con i dati dei precari richiesti dal M5S. Le tabelle oltre a fornire un censimento di tutti gli iscritti nelle graduatorie a esaurimento suddivisi per classi di concorso e province di appartenenza, mostrano pure che i soggetti vincitori del concorso a cattedre del 2012 già presenti nelle Gae sono 1.339 mentre le supplenze del 2014-2015 sono state 15.735 mila per l'intero anno (fino al 31 agosto) e 85.544 fino al 30 giugno.
I parlamentari di Sel, del M5S e della Lega hanno espresso al presidente della Camera, Laura Boldrini, la loro preoccupazione per l'iter del provvedimento ( "un percorso a tappe forzate" che "umilia il Parlamento" denunciano i primi mentre i pentastellati e il Carroccio criticano l'idea di collegare il disegno di legge alla manovra di Bilancio, attraverso il Def).
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi