Domenica 19 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento 15:28
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Fiumicino, la Commissione parlamentare d'inchiesta apre una procedura formale sull'incendio. Domani iniziativa di Usb e Cub
Sulla vicenda dell’aeroporto di Fiumicino, USB e CUB organizzano per domani, mercoledì 20 maggio, alle ore 15.00, un presidio di protesta al Terminal 3 dell’aeroporto Leonardo Da Vinci. Intanto, La commissione parlamentare d'inchiesta sugli infortuni sul lavoro non avendo ritenuto soddisfacenti le testimonianze dei responsabili dell’aeroporto intende aprire un'inchiesta e effettuare un sopralluogo.

All’iniziativa dei sindacati parteciperanno lavoratori, esperti di infortunistica ed ispettori del lavoro. In questi giorni sono stati in tanti a rassicurare l’opinione pubblica, i lavoratori, i passeggeri e gli organi di informazione sulla agibilità e sulla salubrità dell’aria dell’aeroporto di Fiumicino e del terminal T3, bruciato il 7 maggio scorso e riaperto frettolosamente il giorno dopo.
Il punto è, come denunciano da giorni Usb e CUb, che ogni giorno decine di lavoratori, soprattutto quelli costretti a prestare servizio al T3, sono ricorsi alle cure mediche per i più disparati sintomi: vomito e nausea, gonfiori, difficoltà respiratorie, bruciore alla gola e agli occhi, febbre, sudorazione e, in taluni casi, addirittura sanguinamento dal naso.

“Dopo i licenziamenti, la precarietà, la cassaintegrazione e la solidarietà; i tagli salariali, il peggioramento delle condizioni di lavoro e la drastica riduzione dei livelli di sicurezza in aeroporto comprovati dall’impennata degli incidenti – si legge in una nota - ora i lavoratori sono chiamati a rischiare la salute pur di non mettere in discussione qualche punto percentuale di operatività dello scalo di Fiumicino”.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi