Mercoledì 16 Gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento 20:46
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Sicilia, esplode la protesta di varie categorie. Crocetta: "Reddito di cittadinanza o conteremo i morti"
Dalle poste all'edilizia, passando per gli studenti e gli operatori della scuola. Sono giorni caldi sul fronte lavoro, in Sicilia dove, come spiega il segretario dellaCisl "c'è fibrillazione un po' dappertutto, per emergenze regionali che esplodono e per vertenze nazionali irrisolte". E intanto il presidente della Regione Crocetta dichiara: "La questione del reddito di solidarieta' per i disoccupati non e' una fesseria e una cosa che nel Sud o si affronta o noi conteremo solo i morti".
Si parte oggi da Palermo dove, alle 18, i postali hanno organizzato una manifestazione davanti alle poste di via Roma.
Domani invece la protesta dei postali si sposterà a Catania, mentre a Palermo faranno sentire la loro voce gli edili e il personale della scuola. Palermo e Catania saranno punto di partenza anche delle manifestazioni programmate dai lavoratori delle costruzioni che dalle due città muoveranno domattina con carovane regionali che approderanno a Polizzi Generosa, sulle Madonie. Qui, per iniziativa di Fillea, Filca e Feneal si terrà un dibattito sulle infrastrutture e sull'emergenza viabilità scoppiata nell'Isola con il crollo del viadotto Himera, sulla A19. #LaScuolaSiamoNoi è l'hashtag che la Cisl Sicilia lancia invece in vista della mobilitazione che domani sera impegnerà docenti e personale Ata in tutti i capoluoghi siciliani, con fiaccolate, flash mob e cortei. La protesta contro il ddl Buona Scuola, organizzata da un ampio cartello di sindacati confederali e autonomi, s'inserisce nel solco delle contestazioni in corso nel Paese.
"A Palermo come a Roma il mondo del lavoro è in ebollizione – spiega Milazzo - Servono coesione sociale, l'ascolto responsabile delle istituzioni e un patto sociale che metta al centro le tante crisi che ancora strangolano lavoratori ed economia. In Sicilia quest'anno andranno in fumo altri 20 mila occupati e si stima che il tasso di disoccupazione si aggiri intorno a quota 24,5%".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi