Giovedì 21 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento 16:44
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Roma Capitale, sul salario accessorio Tronca fa il gioco delle tre carte. La Cgil (intervista audio) aspetta la trattativa, mentre Usb chiama i lavoratori alla lotta
Usb parla di vittoria di Pirro, mentre la Cgil aspetta Tronca al varco della trattativa vera e propria sul salario di secondo livello. Ma la prospettiva reale che si apre a questo punto per i dipendenti di Roma Capitale è davvero ardua. E il motivo è semplice: se adesso Tronca ha tirato fuori il classico coniglio dal cappello a pochi mesi dalle elezioni, particolare non secondario, dando un piccolo sollievo alle buste paga che rischiavano il blocco e la regressione con l'intervento di Marino, dall'altra il salario accessorio vero verrà fuori solo se Tronca trova i soldi.  E questo non sarà realisticamente possibile prima delle elezioni. Intervista audio a Claudio Di Berardino, segretario della Cgil di Roma e del Lazio. 

La norma introdotta dal Commissario straordinario non ha fatto altro che reintrodurre, con meno delle risorse che c'erano prima di Marino, uno spazio più largo per il contratto nazionale, superando in questo modo il niet di Renzi e il blocco dei contratti. Una sorta di partita di giro che accontenta metà i dipendenti. Un esempio chiaro è quello della busta paga di una educatrice che senza l'intervento del commissario sarebbe stata di 1.100 euro, con l'intervento arriva a 1.250, mentre era a quota 1.400 prima di Marino. 

“Nulla è cambiato rispetto allo scorso anno – sottolinea Reggio - l’atto unilaterale (di Marino, ndr) è ancora in piedi e continuerà a determinare, non si sa per quanto tempo, l’organizzazione del lavoro di uffici, scuole, nidi e Polizia Locale, nonché le quote retributive del salario accessorio dei dipendenti”.

“A Roma – denuncia Reggio - si continua a procedere con la logica dell’unilateralità, senza condivisione, senza coinvolgere sindacati e dipendenti nelle scelte, ed ora anche in base a diretti dettami governativi. Agli RSU dell’USB, che all’incontro in Campidoglio hanno chiesto fosse resa nota la risposta dell’avvocatura dello Stato in merito ai quesiti posti sul fondo per il salario accessorio, Tronca ha risposto che il parere è top secret perché dato alla Presidenza del Consiglio, chiudendosi anche alla richiesta di intraprendere una discussione sul DUP e di avere al tavolo un rappresentante della Presidenza del Consiglio”.

“I nodi al centro della vertenza dei dipendenti capitolini rimangono ancora irrisolti – aggiunge il sindacalista - dal licenziamento a giugno prossimo di 5.000 precarie di scuole e nidi alla perdita di oltre 300 euro mensili di media per dipendente da gennaio 2015; dalla privatizzazione di servizi strategici per le famiglie al mancato reclutamento di nuovo personale”.

Per tutti questi motivi l’USB prosegue la mobilitazione no stop e lo stato di agitazione. Dopo la manifestazione di protesta di lavoratrici e famiglie per fermare la privatizzazione dei nidi, il prossimo appuntamento è mercoledì 27 gennaio, alle ore 15.00, con un presidio in piazza di Monte Citorio. "Non ci fermeremo fino a quando non si invertiranno le logiche di precarizzazione e perdita dei diritti e salario, dando stabilità alle migliaia di dipendenti precarie e recuperando fino all’ultimo centesimo e diritto tolto ai dipendenti capitolini”, conclude Massimo Reggio.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi