Venerdì 26 Febbraio 2021 - Ultimo aggiornamento 19:05
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
"A settembre dovremmo capire cosa fare. Va messo in campo uno sciopero generale delle categorie senza contratto". Intervista (audio) a Maurizio Landini)
Per il rinnovo del contratto continua la mobilitazione dei metalmeccanici. Mentre "da Federmeccanica a oggi non è arrivato nessun segnale: non c'è alcun tavolo di trattativa, il negoziato è di fatto bloccato ormai da un mese e un mezzo" come ha confermato la scorsa settimana il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini, in un'intervista a RadioArticolo1, nel giorno dello sciopero delle tute blu di Lucca, Aosta, Latina e La Spezia, e con gli stop delle prossime settimane già in programma, il mondo del lavoro non sembra "rispettare" il falso racconto di Renzi sull'Italia in ripresa.
Questa settimana, mercoledì 27 luglio, è prevista un'altra riunione tra le segreterie di Fiom, Fim e Uilm. "E' ormai chiaro che dovremmo impostare da adesso la nostra azione nel mese di settembre e ottobre, per arrivare rapidamente all'accordo. A questo punto non si può escludere nulla, anche in termini di iniziative di mobilitazione generale", ha detto Landini a Radio Articolo 1 in una intervista. La battaglia dei metalmeccanici si lega poi a quelle delle altre categorie ancora senza contratto.
Così Landini: "L'attivo unitario di Cgil, Cisl e Uil ha posto questo problema: forse c'è ancora qualche timidezza anche tra le organizzazioni sindacali, ma ormai il rischio del superamento del contratto nazionale è una questione all'ordine del giorno, non solo nel privato ma anche nel pubblico. Si pensi che il governo, ovvero una parte datoriale, sono 8 anni che non rinnova i contratti per i settori pubblici: oggettivamente siamo di fronte al pericolo che il contratto nazionale venga superato di fatto, nel senso che non esiste più perché non fornisce alcuna tutela. Per questo - a suo avviso - a settembre si dovrà pensare anche a momenti di protesta che unifichino tutti i lavoratori e le categorie".
"I lavoratori vanno in ferie senza il contratto nazionale – ha detto tra le alte cose Landini -: a settembre dovremo decidere cosa mettere in campo perché non può rimanere questo un problema dei solo metalmeccanici, è una questione nazionale che riguarda la qualità del sistema industriale del paese e anche il sistema di relazioni". Non fare il contratto nazionale, infatti, "non è semplicemente conseguenza della crisi: vogliono cambiare le regole del gioco, di fatto superare l'esistenza del Ccnl e introdurre rapporti di lavoro regolati azienda per azienda, con diversità di condizioni tra i lavoratori che fanno lo stesso lavoro".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi