Mercoledì 05 Agosto 2020 - Ultimo aggiornamento 08:32
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Segafredo, rientrato il licenziamento di un operaio a cui mancavano due anni per la pensione. Flai-Cgil: "La lotta paga"
Se non fosse arrivato il ritiro del licenziamento, sarebbero proseguite le azioni di lotta: l'assemblea del personale di Segafredo era pronta con un pacchetto di 20 ore di sciopero, approvato oggi stessp. E per domani era gia' in programma un'altra assemblea che ora verra' usata per raccontare l'esito della discussione con l'azienda. Angelo Stanziani lo avevano licenziato in tronco solo cinque giorni fa a poco piu' di due anni dalla pensione per l'esternalizzazione del servizio. Un vero e prorio "imbarbarimento" delle relazioni sindacali. E l'azienda ll'aultimo momento ci ha ripensato, dichiarando di voler continuare a cercare una "soluzione condivisa" con il sindacato. Che, appunto, si e' messo di traverso non appena si e' saputo del licenziamento.

Evidente la "soddisfazione" del sindacato. "La lotta paga - dice Vincenzo Grimaldi segretario della Flai-Cgil di Bologna - ma siamo soddisfatti anche perche' ora si aprira' un tavolo sul piano industriale e il modello organizzativo, di cui fa parte a tutti gli effetti anche la manutenzione".
La presidente dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna, Simonetta Saliera, aveva parlato testualmente di "degrado". Si era mosso anche il M5s chiedendo l'intervento del governatore Stefano Bonaccini mentre oggi e' andato all'attacco Nicola Fratoianni di Sinistra italiana: "E' ora che la dignita' di chi lavoranon debba essere sempre umiliata in questo modo". Nel pomeriggio e' arrivata la nota dell'azienda che annulla la decisione presa. 
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi