Venerdì 28 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento 22:48
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
"Nomine e arroganza". Intervento di Franco Astengo
E’ impossibile lasciare sotto silenzio il passaggio di questi giorni al riguardo delle nomine degli enti pubblici.

Colpisce l’arroganza con la quale questa delicata vicenda è stata affrontata e la superficialità con la quale i grandi organi di stampa l’hanno trattata.

La solita storia, non solo di spartizione correntizia che pure è già grave, ma di classico “familismo amorale” e di spostamento di pedine da un disastro all’altro.

Chi ha “guidato” (si fa per dire) il Monte dei Paschi di Siena come protagonista di uno dei più grandi crack della storia bancario – partitico italiana si ritrova alla guida di Finmeccanica o come si chiama adesso.

Un condannato, in prima istanza, a nove anni di galera per responsabilità in una tragedia epocale che ha segnato irrimediabilmente la storia delle ferrovie italiane, si trova escluso e si dichiara “ferito” per questa esclusione.

Si è passati tranquilli dalla presidenza di Confindustria a quella di un Ente di Stato come se fosse atto dovuto.

Tutti sapientoni che hanno contribuito fattivamente, con lucrosi guiderdoni, a portare l’Italia nelle misere condizioni nella quali si trova.

Tutta gente da deficit milionari e dal licenziamento facile: tanto pagano sempre i poveretti.

Si scrive di risarcimenti per precedenti nomine mancate come se nulla fosse e tutto fosse dovuto.

Una situazione insostenibile che si accompagna al salvataggio di Minzolini al senato e alla cancellazione dell’esito non gradito di un’assurda votazione online per la candidatura a sindaco di Genova del Movimento 5 Stelle.

Tutti assieme appassionatamente per conservare privilegi, far andare avanti i propri protetti e raccomandati, porre il meccanismo della “fidelizzazione” quale parametro esaustivo.

In un parola : un “familismo amorale” che attraverso il sistema politico, in un quadro di degrado e distanza siderale dalla realtà quotidiana dei problemi e dalle contraddizioni vere.

Intanto ci si affanna a discettare sul populismo e sui pericoli che da questo fenomeno dovrebbero sorgere.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi