Martedì 25 Febbraio 2020 - Ultimo aggiornamento 12:00
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Oggi sciopero in tutti i porti italiani contro gli incidenti sul lavoro
Oggi sciopero nazionale in tutti i porti italiani di almeno un'ora alla fine di ogni turno e, a livello territoriale, di tutte le attivita' di autotrasporto nelle aree portuali. Lo ha indetto la Filt Cgil unitariamente con Fit Cisl e Uiltrasporti, a seguito dell'incidente mortale avvenuto al porto di Ravenna giovedi' scorso, dove ha perso la vita un dipendente di un'azienda di autotrasporto.
"Il ministero dei Trasporti- ha chiesto la Filt- deve provvedere a convocare, alla presenza di tutte le parti interessate, un confronto che riprenda l'esame avviato sull'aggiornamento delle norme specifiche dei settori marittimi e portuali che attengono alla materia della sicurezza ed il cosiddetto tavolo sulla sicurezza stradale sui temi delle condizioni di lavoro e della sicurezza nel settore
dell'autotrasporto".

Il camionista 43enne è stato investito nel terminal Setramar da un carrello elevatore che movimentava coils. Le segreterie territoriali dei trasporti Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uil-Trasporti della provincia di Ravenna, unitamente alle segreterie confederali e agli Rlss del porto, "denunciano l'ennesimo incidente mortale avvenuto" e, "al di la' della dinamica, che saranno le indagini in corso a chiarire", sottolineano che "la cultura della prevenzione non e' mai sufficiente in situazioni ad altissimo rischio, cosi' come anche
definito dalle normative vigenti". A trent'anni dal tragico anniversario della Mecnavi, recentemente celebrato, le parti sociali ribadiscono che "cio' che si spende per la prevenzione, in qualsiasi attivita' lavorativa nel porto, e' da considerarsi quale investimento fondamentale ed indispensabile al fine di prevenire le tragiche conseguenze che siamo oggi a testimoniare". 
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi