Domenica 22 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento 11:53
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Roma, il collasso occupazionale ormai non ha confini. La denuncia della Cgil sui licenziamenti mascherati
Da due anni a questa parte Roma sta subendo un calo di occupazione davverso senza precedenti. Quasi impossibile avere un lista completa delle aziende che hanno deciso di fare "cure dimagranti" negli organici. Ultimamente diverse aziende pubbliche, come Atac, a fianco al caso storico di Almaviva, e poi ancora Mediaset e Sky. Senza parlare di quanto sta accadendo in Alitalia e dei riflessi che comporterà sull'indotto. ESuberi vengono conteggiati nella Gdo, anche dei grandi marchi, e in settori tradizionalmente "al riparo" dalla crisi, come appunto quello dell'industria culturale e informatica. Le aziende, soporattutto quelle più blasonate, non si fanno problemi ad usare anche strumenti "non conformi" come la minaccia della delocalizzazione.  

Il primo dato che aiuta a comporre il puzzle arriva dalla Cgil secondo la quale nelle ultime crisi di aziende che hanno delocalizzato a Milano solo il 20% del personale ha accettato il trasferimento. Il resto si è accontentato di una magra buonuscita e ha lasciato il lavoro. «Ci troviamo di fronte a un fenomeno di licenziamenti mascherati — dice Michele Azzola, segretario generale della Cgil di Roma e Lazio — e i numeri lo dimostrano.

La maggior parte delle persone coinvolte accettano pochi soldi perché non possono lasciare la loro casa e questo le aziende lo sanno bene». «Le grandi imprese così come le multinazionali — continua Azzola — conoscono benissimo lo stato familiare dei loro dipendenti. Sanno quanti figli hanno, il lavoro dei partner, e riescono a calcolare al millesimo i vincoli economici che li legano alla città. In questo modo possiamo oggi dire che lo spostamento delle sedi può diventare un processo di licenziamento calcolato al dettaglio. Il sindacato assicura che anche le storie degli ultimi giorni concorreranno a chiudere il cerchio di una prassi che sembra destinata a ripetersi.

Molti dei 50 giornalisti e 90 tecnici coinvolti dallo spostamento della sede di Mediaset sarebbero intenzionati ad accettare le proposte economiche dell'azienda pur di non lasciare Roma. A loro si aggiungono oggi anche i 76 lavoratori di Consodata ai quali è stato annunciato un trasferimento lampo che dovrebbe concludersi entro il 17 luglio. Il caso Consodata è significativo perché la società, controllata dal gruppo ItaliaOnline ex-Seat Pagine Gialle, si occupa in realtà di direct marketing, mailing, raccolta dati, e lavora principalmente online senza un bisogno logistico di una sede fisica. «La situazione è grave — prosegue il segretario generale della Cgil di Roma — e non c'è un solo soggetto che può risolverla. Da parte nostra abbiamo apprezzato il tentativo della Regione Lazio di mettere un argine, ma questo non è sufficiente. Ci vuole un'azione condivisa di comune, regione e governo per frenare questo esodo, anche perché i rischi si stanno verificando anche su settori chiave come il farmaceutico dove Milano sta incentivando la nascita di un polo di ricerca e sviluppo‖. (…).

Sul futuro di Roma e l’allarme sulla drammatica situazione occupazionale era intervenuta la scorsa settimana la leader della Cgil: ―Il Piano per Roma, sottoscritto tra la sindaca Virginia Raggi, Cgil, Cisl e Uil – aveva detto Susanna Camusso - segna una vera discontinuità con un passato recente fatto di contrapposizioni sterili e potrà essere un importante esempio di nuovo e moderno dialogo sociale". "Per ripartire, il Paese ha bisogno anche di una Capitale. Ma Roma da sola non può farcela e la sua crisi, come il degrado che ne offusca l'immagine, è un tema nazionale da affrontare unendo tutte le forze sane del Paese". "Il governo colga dunque questa sollecitazione e convochi un tavolo che metta in sinergia gli sforzi delle parti sociali e delle istituzioni locali, a cominciare dalla Regione Lazio che ha dato segnali positivi in tal senso. Si faccia, insieme al sindacato e agli Enti Locali, promotore attivo di una rinascita della città, a partire da azioni concrete e risorse destinate allo sviluppo dei settori strategici e dei servizi".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi