Venerdì 26 Aprile 2019 - Ultimo aggiornamento 13:42
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Forestali, terza sentenza di un Tar regionale contro lo smembramento. Renzi ha fallito anche qui
Dopo il TAR Abruzzo e il TAR Veneto, i forestali vincono anche il terzo ricorso presso il Tar del Molise contro la soppressione del corpo forestale. A disporne l'azzeramento fu il governo Renzi attraverso lo smembramento dell'organizzazione e delle funzioni e procedendo alla militarizzazione forzata degli appartenenti al Corpo.
In una nota congiunta, Cgil Nazionale e Fp Cgil sottolineano che gli effetti "di tale scelta scellerata sono sotto gli occhi di tutti: perdita di diritti e di dignità professionale, aumento di costi, caos organizzativo e drammatico calo di efficienza e funzionalità. Il tutto motivato da una semplice quanto ottusa valutazione che il governo Renzi aveva a suo tempo sostenuto: ridurre il numero delle Forze di Polizia sarebbe stato di per sé sufficiente a determinare più efficienza e minori costi in settori delicati per il Paese". Per la Cgil e la categoria che organizza i lavoratori del pubblico impiego “la sentenza, che ravvede numerosissimi profili di incostituzionalità nell’art. 8 della legge 124/2015 e del D.Lgs. 177/2016, condivide inoltre gli argomenti da noi sempre sostenuti circa la grave violazione di principi, costituzionali e non solo, che definiscono le funzioni assegnate alle Regioni in tema di competenze e gestione di ambiente e patrimonio forestale e l’assenza di qualsivoglia intesa fra Stato e Regioni in tema di riorganizzazione del Corpo Forestale, avendo il Governo scelto la strada dell’intervento unilaterale e autoritario, sopprimendo il CFS e disponendo la militarizzazione forzata del personale con il passaggio all’Arma dei Carabinieri”. “Adesso la Corte Costituzionale dispone, a nostro giudizio, di un quadro completo di riferimenti e di argomenti per assumere, nel marzo del 2019, una sentenza che auspichiamo possa ripristinare giustizia e legittimità e restituire ad un corpo di polizia ad ordinamento civile funzioni, compiti e risorse necessarie a garantire nel Paese adeguata sicurezza e protezione”. “Nel riconoscere e rendere merito ai Legali che hanno lavorato ai ricorsi a favore delle lavoratrici e dei lavoratori del CFS e che sosterranno fino all’ultima istanza le loro ragioni, auspichiamo che - aggiungo Cgil e Fp Cgil - la politica interrompa l’attuale silenzio sulla questione, chiediamo a partiti, movimenti e Istituzioni di adoperarsi affinché si determinino, nei corpi militari e civili di difesa e sicurezza, più democrazia, più diritti, più partecipazione delle lavoratrici e dei lavoratori”.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi