Lunedì 17 Dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento 10:41
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Commercio, la norma in arrivo contro la liberalizzazione selvaggia mette zizzania tra le imprese. Qualcuno minaccia sfaceli occupazionali. Cobas: "Bene così. I frutti avvelenati del decreto Monti sono sotto gli occhi di tutti"
La proposta di legge di Davide Crippa, deputato del Movimento Cinque Stelle e sottosegretario allo Sviluppo economico, per cancellare la "liberalizzazione selvaggia" delle aperture domenicali degli esercizi commerciali crea scompiglio tra le imprese. Con gradazioni diverse, da Confcommercio che apre al confronto e chiede una regolamentazione minima, alla "netta contrarietà" di Conad a rivedere la normativa, fino a Confimprese che evoca rischi per ben 400.000 lavoratori.

"Altro che 400mila posti di lavoro in pericolo", rispondono i Cobas: i frutti avvelenati del decreto Monti sono sotto gli occhi di tutti. Da Mediaworld a Trony, da Auchan a Mercatone Uno, e poi le grandi Coop, Tuodì, Dico Discount, Combipel, Limoni Duglas e Conforama. Aziende in crisi che mietono chiusure e licenziamenti. E poi c’è la crisi dei piccoli negozi, un cancro che congiunge il Paese da Nord a Sud, senza far sconti a nessuno e che ha visto susseguirsi migliaia di chiusure.

"Eppure qualcuno ci aveva raccontato, all’indomani del decreto del governo Monti noto come “salva Italia”, di incrementi occupazionali e migliori condizioni lavorative - sottolinea Francesco Iacovone, dell'esecutivo nazonale Cobas -. Ma la triste realtà è sotto gli occhi di tutti: l’unico vero incremento è quello relativo alle domeniche e i festivi lavorati e la merce di scambio è minor occupazione, minor salario e minor diritti. Dopo i piccoli negozi ora tocca alla grande distribuzione, ma la colpa non è affatto solo dell’e-commerce (Amazon in Italia incide soltanto per i 6% nella quota di mercato). La difficoltà delle grandi catene commerciali nasce principalmente dalla mancanza di reddito diretto ed indiretto dei consumatori".


Cobas mostrano apertura verso le dichiarazioni di Confcommercio e ANCC Coop "che più ragionevolmente ammettono il flop del decreto Monti e si cominciano ad interrogare sulla condizione vissuta dai milioni di addetti del settore. Un piccolo passo avanti in una battaglia che non smetteremo di combattere".

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi