Mercoledì 26 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento 22:47
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Balbir, una storia di sfruttamento e segregazione bestiale nelle campagne intorno a Roma
Si è svolta ieri a Latina la prima udienza del procedimento penale a carico dei responsabili dell’azienda agricola “Di Bonito”, a Borgo Sabotino, accusati di sfruttamento del lavoro nei confronti di un bracciante di origine indiana impiegato dal 2009 al 2017. Sfruttamento lavorativo, retribuzioni difformi da quanto previsto dai contratti collettivi di settore e comunque gravemente sproporzionate rispetto alla quantità di lavoro svolto, nessun riposo settimanale e rispetto dell’orario di lavoro.

Balbir, questo il nome del bracciante, difeso dal presidente di Progetto Diritti Mario Angelelli, viveva letteralmente segregato in una roulotte senza luce, acqua e gas. Spesso dormiva nella stalla e si lavava con l’acqua con la quale lavava le mucche. Mangiava gli avanzi buttati nel cassonetto dal padrone, il quale gli aveva sequestrato i documenti per non farlo andare via. 

L'assurda vicenda è era stat segnalata dal giornalista e sociologo Marco Omizzolo, in prima linea nella denuncia allo sfruttamento e al caporalato, che ha raccolto la coraggiosa richiesta di aiuto del bracciante. In seguito alla denuncia presentata al Comando Provinciale dei Carabinieri di Latina, Balbir è stato salvato da un’esistenza fatta di povertà assoluta, vessazioni e umiliazioni. Per il suo coraggio è stato premiato con il permesso di soggiorno per motivi di giustizia.
L'udienza è stata rinviata al 12 giugno 2019.

Il Comune di Latina si costituirà parte civile nel processo e altrettanto farà l’associazione Progetto Diritti. "Vogliamo essere presenti in quella che reputiamo una battaglia di civiltà - si legge in una nota - contro la barbarie della pratica dello sfruttamento così diffusa, peraltro, nel territorio dell’Agri-Pontino. Perché bisogna sostenere il riscatto di Balbir e di tutti gli sfruttati e le sfruttate e al coraggio della sua denuncia rispondere con un percorso di giustizia esemplare per ribadire la centralità della dignità umana e dei diritti dei lavoratori".

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi