Mercoledì 15 Luglio 2020 - Ultimo aggiornamento 07:43
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
"Strage di migranti, il motivo è scritto sul nostro scontrino". Intervento di Marco Ferri
O non capiamo o facciamo finta di sapere come si fa. Cercherò di spiegarmi, proponendovi alcune domande.
Chi sono i negrieri? Gli autisti dei pulmini coinvolti negli incidenti mortali o gli uffici acquisti delle imprese della Grande Distribuzione?
Bisogna aumentare gli ispettori sul lavoro, come dice Di Maio, o indagare sul prezzo dei prodotti che viene pagato agli agricoltori?
Bisogna indagare sui legami con la mafia nei campi, come dice Salvini o andare a vedere che succede nella logistica che consegna i prodotti ai supermercati e alle aziende di trasformazione, quelle che mettono in barattolo i pomodori pelati e imbottigliano i succhi di frutta?
Bisogna fare visite di circostanza alle vittime e vertici delle forze dell’ordine con ardimentosi ordini del giorno, o dire la verità?
Che è questa: quando portate a casa la spesa con la convinzione di aver risparmiato, sappiate che quel pomodoro è il frutto del più sfacciato sfruttamento dell’uomo sull’uomo.
Quello sconto che il supermercato vi ha offerto con gli allegri cartelli sul banco della frutta e verdura non è un regalo del negozio, è il prezzo che è stato pagato in anticipo dai braccianti, dagli operai dei magazzini, dalle commesse e dei commessi del negozio in cui avete fatto l’acquisto. Loro guadagnano poco e lavorano male per garantire profitti ai big della GDO e lo sconto sul vostro scontrino.
Dobbiamo capire e agire.
Nel frattempo, però, quando incontrate un lavoratore dei campi, un lavoratore della logistica, un lavoratore del commercio fategli almeno un sorriso.
Il motivo è scritto sul vostro scontrino.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi