Lunedì 27 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento 11:43
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Logistica, lotta dura davanti ai magazzini Zara. Previsto un tavolo al ministero il 22 marzo
Nella notte tra sabato e domenica, davanti al Centro Commerciale “I Petali”, sciopero con blocco delle merci per i lavoratori delle cooperative in appalto presso i magazzini di Zara. Lo sciopero, indetto da Filcams e Filt Cgil Reggio Emilia - all’interno del pacchetto di 60 ore proclamato a livello regionale -, ha registrato momenti di tensione tra i sindacalisti che hanno presidiato gli ingressi e i corrieri. L’intervento delle Forze dell’ordine e l’accordo raggiunto sul piazzale (accordo che ha previsto lo scarico delle sole merci non riguardanti il punto vendita Zara e le marche collegate, le quali sono state ricaricate sui camion e rispedite al mittente) hanno poi consentito di tornare alla normalità. Il presidio si è concluso con l’assemblea dei lavoratori in sciopero verso l’una del mattino.

“Siamo soddisfatti per la mancata consegna della merce, questo è l'ennesimo segnale, anche alla committenza, della volontà di questi
lavoratori di rivendicare un rapporto di lavoro dignitoso e all'interno delle regole. - sottolinea Luca Chierici, segretario della Filcams Cgil reggiana - Occorre però prendere atto, purtroppo, del fatto che ancora non si sono determinate le condizioni per risolvere questa vertenza. Le iniziative continueranno fino a che Zara non espellerà queste cooperative dai propri appalti assumendo i lavoratori coinvolti in aziende serie e rispettose delle regole”. “Abbiamo messo in campo - ha concluso Marco Righi, segretario della Filt Cgil Reggio -  un’azione molto dura per rispondere ad una situazione di grave illegalità che riguarda i lavoratori e già segnalata anche agli organi competenti”. In attesa del tavolo nazionale convocato al Ministero per il 22 marzo prossimo saranno proclamate nuove iniziative. Intanto ad oggi sono 32 le ore di sciopero già fatte dai lavoratori delle cooperative.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi