Domenica 19 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento 09:19
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Brembate (Bg), l'uso dei Vigili del fuoco per la rimozione dello striscione anti-Salvini criticato anche dalla Cgil
Ieri mattina a Brembate (Bergamo) è stato rimosso dai Vigili del fuoco uno striscione esposto dalle finestre dell'abitazione di un privato
cittadino. Lo striscione riportava la scritta: “Non sei il benvenuto” ed è apparso nel giorno in cui si svolgeva in città la visita di Matteo Salvini. L'impiego dei Vigili del fuoco è stato fortemente criticato da Usb. E poi anche dal sindacato del Pubblico impiego della Cgil. “Quanto accaduto è inaccettabile. Non è lavoro per i Vigili del fuoco”, spiega la Funzione pubblica Cgil. “Non si può consentire – prosegue la nota – che si utilizzi una squadra dei Vigili del fuoco, rimuovendola dal lavoro quotidiano, per costringerla a tirare giù uno striscione”. In questo modo, sottolineano dal sindacato, “si opera un danno all'erario, perché i Vigili del fuoco non fanno pubblica sicurezza, ma operano per portare soccorso, e si colpisce un diritto inalienabile del cittadino, quello al legittimo dissenso. Siamo solidali con i colleghi costretti ad operare in questa non prevista operazione e chiediamo ai vertici del corpo e del Viminale che si faccia immediata chiarezza”.

Sugli striscioni e in generale sull’uso delle forze dell’ordine interviene anche il Silp Cgil con il segretario Daniele Tissone: “E’ necessario abbassare i toni, ridimensionare l’esuberanza dialettica per evitare di complicare la vita a chi ogni giorno lavora per garantire l’ordine pubblico”. Stessa posizione quella del Siulp, l’altro sindacato di polizia.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi