Martedì 16 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento 21:17
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Codice degli appalti, Salvini a testa bassa contro i diritti consolidati. Cgil: "Regala alle mafie e alla corruzione spazi enormi"
Salvini presenterà un emendamento al decreto sblocca cantieri che sospenderebbe nei fatti il codice appalti.Il sospetto viene avanzato dalla Cgil, per bocca di Giuseppe Massafra, della segreteria nazionale del sindacato. “Quella di Salvini non può più essere considerata una follia. È piuttosto un disegno lucido che regala alle mafie e alla corruzione spazi enormi di agibilità. Un disegno, fatto passare per salvifico, che sta invece dalla parte della illegalità e porta il Paese verso il precipizio. Un disegno, non è un caso, che si accompagna ai tentativi di Salvini di delegittimare la magistratura”.
Dopo il presidio promosso unitariamente martedì scorso in piazza Montecitorio dalla tre Confederazioni, che ha già visto la partecipazione di numerose altre associazioni ed organizzazioni impegnate a contrastare questa iniziativa del Governo anche durante la discussione parlamentare, per scongiurarne l'approvazione la Cgil in una nota si rivolge "alle Istituzioni e a tutte le forze sane di
questo Paese affinché non smettano di pretendere che legalità, trasparenza, valore e dignità del lavoro siano i cardini di un sistema virtuoso e i presupposti irrinunciabili per il Paese”.

Durissima anche la reazione della categoria dei lavoratori delle costruzioni della Cgil: “Stiamo ufficialmente dicendo alla mafia di
accomodarsi in ogni appalto”, ha dichiarato ieri Alessandro Genovesi, segretario generale della Fillea Cgil. La proposta di Salvini,
prosegue il sindacalista "non meriterebbe commento per non alimentarne mediaticamente la visibilità ma il fatto che ad avanzarla sia il
ministro degli Interni, oltre che leader politico, ci impone di prenderlo sul serio. E allora questa proposta va chiamata con il suo nome: è pura follia, è un invito a un gran galà per la peggior specie di imprenditoria, quella mafiosa, quella che con la concorrenza sleale ammazza le imprese serie e regolari, quella che considera il salario, i diritti dei lavoratori e la sicurezza semplici optional di cui
potersi liberare".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi