Lunedì 19 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento 18:51
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Igiene ambientale, morto un operaio in Campania: schiacciato dal compattatore
Schiacciato dall'auto compattatore sul quale lavorava. Vittima un giovane operatore dell'igiene ambientale, Salvatore Arciello, operaio di 32 anni, deceduto ieri mattina a Napoli mentre faceva il suo lavoro". Fp Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti e Fiadel, in un comunicato parlano di "ennesima morte in un settore, il comparto dell'igiene ambientale, dove la precarietà delle condizioni di sicurezza sta generando troppi incidenti, troppi infortuni e troppe intollerabili morti sul lavoro". 
La morte di Salvatore segue quella recente, per stare in Campania, di Aniello, deceduto il 10 aprile mentre era in servizio presso l'impianto Stir di Giugliano, "ci lascia un profondo dolore e una forte rabbia. Vogliamo esprimere tutto il nostro cordoglio e la nostra vicinanza alla famiglia, ai cari e ai colleghi di Salvatore. Così come vogliamo gridare con forza quanto sia inaccettabile morire di lavoro".
"Non è più il tempo degli appelli, delle parole e delle promesse - proseguono i sindacati -. È il tempo delle azioni concrete, a tutela della salute e della sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori dell'igiene ambientale. Noi faremo la nostra parte, in prima linea. C'è bisogno di un impegno straordinario, di tutte e tutti, dalle istituzioni alle controparti, per mettere un punto alla piaga dei morti sul lavoro, una vera e propria emergenza nazionale, in questo settore come in tanti altri.. È ora di dire basta: non si può, non si deve, morire di lavoro", 
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi