Martedì 25 Febbraio 2020 - Ultimo aggiornamento 12:00
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Lavoro, anche ieri c'è stata una strage. Altissima la media dell'età delle vittime
Ancora una giornata tragica (3 febbraio) per il mondo del lavoro, con tre vittime e un ferito grave. A Pieve San Lorenzo, in provincia di Lucca, un imprenditore agricolo di 68 anni, Loriano Martini, è morto schiacciato da un muletto, che si è ribaltato. Secondo la ricostruzione dei soccorritori, l'uomo, titolare di un'impresa di ortofrutta e prodotti tipici della Garfagnana, è stato travolto dal mezzo mentre percorreva una stradina in discesa. Per liberare il corpo dalle lamiere sono dovuti intervenire i vigili del fuoco. Un secondo lavoratore è rimasto vittima di un infortunio mortale a Vallese di Oppeano, nel Veronese. L'uomo, un sessantenne, è caduto da una scala, precipitando per diversi metri, mentre stava lavorando all'interno della CaBlog, un'azienda di logistica. Soltanto poche settimane fa, a dicembre, un operaio era morto, sempre a Vallese di Oppeano, cadendo dal tetto di un'acciaieria. La terza vittima della giornata è un operaio edile al lavoro nei pressi dei binari della stazione centrale di Benevento, precipitato da un'impalcatura montata per la costruzione di un edificio. Subito soccorso dai colleghi,l'uomo è però morto quasi subito. Infine, all'ospedale Niguarda di Milano, è ricoverato in gravissime condizioni un operaio di 45 anni, caduto dal tetto di una ditta di Novate Milanese. Nella caduta, l'uomo ha riportato un trauma toracico e un trauma cranico. Complessivamente, nel 2019 le denunce di infortunio mortale registrate dall'Inail sono state 1.089”
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi