Lunedì 30 Marzo 2020 - Ultimo aggiornamento 14:36
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
"Ancora in strada senza garanzie e con il rischio di vedersi infliggere multe". La protesta dei riders di Milano
"Ancora in strada senza garanzie" e col rischio di vedersi infliggere "multe fino a 5000 euro" mentre aspettano "davanti ai ristoranti". E' uno dei tanti messaggi di protesta lanciati su Facebook in questi giorni di emergenza sanitaria per il Coronavirus da 'Deliverance Milano', un collettivo di riders, ossia di fattorini che fanno le consegne di cibo a domicilio. Nel post i rider spiegano che rischiano di vedersi comminare le ammende dell'ordinanza regionale lombarda che vieta, tra le altre cose, gli assembramenti in luoghi pubblici.

"Abbiamo chiesto il blocco del servizio - scrivono i rider milanesi - ma né il Sindaco né il Governatore, nonostante la questione sia stata sollevata, venerdì al Tavolo in Prefettura su salute e sicurezza, hanno deciso di prendere provvedimenti in tal senso". La responsabilità "sociale e d'impresa, ancora una volta", secondo i rider, viene scaricata, "sui suoi corrieri, mantenendo il servizio attivo nonostante i rischi". Se i numeri di "contagio restano alti nel mondo del lavoro, la sicurezza dei fattorini del deliveryfood registra invece i minimi storici, e non a causa soltanto della pandemia dilagante, ma delle istituzioni che faticano ad ascoltare la voce e la volontà dei lavoratori". 
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi