Martedì 14 Luglio 2020 - Ultimo aggiornamento 18:50
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Disney World chiude i parchi in Florida e licenzia 200 ragazzi italiani, che rimangono bloccati ad Orlando
La pandemia di coronavirus ha fermato anche il mondo di Disney World ed i suoi famosi parchi di Orlando in Florida. Con la società di Topolino che ha deciso di sospendere, da domenica prossima, i contratti di lavoro per 43 mila dipendenti, promettendo la ripresa solo a emergenza finita. Tra loro anche 200 ragazzi italiani, andati a lavorare - a vario titolo - nei parchi del divertimento che ora sono rimasti bloccati in un Paese, alle prese con il virus, che ha chiuso di fatto i voli.

"Non c'è la possibilità fisica di tornare nel proprio paese", racconta uno di loro, Federico Arca, su Facebook mentre la Farnesina assicura di seguire da vicino il caso: il consolato d'Italia a Miami, in stretto contatto con l'Unità di crisi e l'ambasciata italiana a Washington, è in costante contatto con i ragazzi e, secondo quanto si apprende, è al lavoro senza sosta per prestare ogni possibile assistenza e identificare itinerari utili per il rientro. L'ostacolo maggiore sono i tempi stretti per lasciare il paese e soprattutto la possibilità di trovare un volo che li riporti in Italia. "L'unica compagnia per la tratta Orlando-New York segnala che ogni volo è in overbooking o non confermato fino almeno al 19 aprile, noi dobbiamo lasciare casa il 18 mattina: siamo allo sbaraglio in una terra non nostra" scrive Arca, che in Italia vive a Pisogne, vicino Brescia.

Lo scorso 11 aprile i ragazzi, racconta, hanno ricevuto una lettera in cui Disney World comunicava di aver "deciso di terminare il programma" tramite il quale erano arrivati a Orlando, concedendo fino al 18 aprile per lasciare i loro appartamenti e fino a un mese per lasciare gli Stati Uniti. "Sono stato cacciato dalla Florida durante un'esperienza che doveva essere la più bella della mia vita ma che si è trasformata in un incubo che al momento pare senza fine. Il mio appello deve essere per l'Italia, per la mia nazione, che non voglio mi lasci in mezzo alla strada" aggiunge Arca.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi