Venerdì 05 Giugno 2020 - Ultimo aggiornamento 13:15
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Rogo di Marghera, i lavoratori avevano segnalato che c'è qualcosa che non andava negli stoccaggi e avevano anche scioperato contro le condizioni di sfruttamento

Rifondazione Comunista denuncia in una nota che l'incendio a Marghera di un'azienda chimica che produce additivi e detersivi, la 3V Sigma Spa, non è un incidente "ma il prodotto di un contesto già ampiamente denunciato da lavoratori". Dalle prime notizie il bilancio è per ora di due feriti gravissimi.
I lavoratori avevano scioperato proprio per denunciare le condizioni di sfruttamento degli operai, contro l'obbligo di fare straordinari con turni di otto ore che diventavano anche di dodici e più. "Questa situazione derivante dalla volontà dell'azienda di non fare nuove assunzioni non poteva che produrre la massima insicurezza in una fabbrica chimica a due passi da un quartiere di Marghera i cui abitanti ancora una volta sono costretti a chiudersi in casa al suono delle sirene di allarme", continua il Prc. I sindacati avevano avanzato dei dubbi sulla regolarità degli stoccaggi e chiesto incontri chiarificatori che in realtà non sono mai arrivati. Sono due anni che denunciamo quanto stava avvenendo alla 3V Sigma, che ha 47 dipendenti. Cinque giorni fa abbiamo spedito all’azienda una richiesta urgente di incontro proprio sui temi della sicurezza. Ma due mesi fa siamo andati davanti al prefetto per spiegare che la situazione era insostenibile. Secondo le informazioni in possesso dei sindacati, in passato denunciati dalla ditta per un’intervista rilasciata a una testata giornalistica locale, l’azienda produce solventi e additivi per le plastiche, sostanze tossiche e nocive.

"Ancora una volta viene fuori che il vero problema del nostro paese - conclude il Prc - è l'irresponsabilità sociale di un padronato a cui i governi - destra o PD non fa molta differenza - hanno consentito da anni con "riforme" sciagurate di cancellare il potere contrattuale dei lavoratori. Ancora una volta si manifesta come sia pericolosa la presenza di produzioni chimiche nei pressi dei centri abitati. Da sempre diciamo che questo non è accettabile e che le produzioni vanno riconvertire per la salute delle cittadine/i per tutelare l'ambiente".

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi