Lunedì 30 Marzo 2020 - Ultimo aggiornamento 14:36
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
La prima donna al governo di Ramallah

La 35enne Leila Ghannam, sin da giovanissima nei ranghi di al-Fatah, nominata da Abu Mazen

STRETTA DEL PRESIDENTE palestinese NEI CONFRONTI DI HAMAS

La prima donna al governo di Ramallah

La 35enne Leila Ghannam, sin da giovanissima nei ranghi di al-Fatah, nominata da Abu Mazen

Leila Ghannam (foto da ynetnews.com)
MILANO - Ex membro dell'intelligence palestinese, è diventata la prima donna governatrice dell'Anp. Si chiama Leila Ghannam, ha 35 anni, è single e senza figli, e Abu Mazen (impegnato in un giro di vite nei confronti di Hamas) l'ha recentemente voluta alla guida di Ramallah, la capitale non ufficiale della Cisgiordania.

IL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE - La Ghannam, che può vantare un dottorato in psicologia, è nata nel villaggio di Deir Dibwan ed è entrata da giovanissima nei ranghi di al-Fatah, arrivando negli anni ad occupare un ruolo di prestigio nell'organizzazione che fa parte dell'Olp. Ora, in qualità di governatore, la giovane Leila ha anche il comando di tutte le forze armate di Ramallah. La sua nomina è considerata una mossa tattica di Abu Mazen. In una città in cui molte donne indossano jeans e minigonne, (e che non a caso in passato è stata definita la «Parigi della Cisgiordania»), lei indossa sempre un hijab e proviene da una famiglia religiosa. «La sua nomina è un doppio messaggio che Abu Mazen invia - sostiene sul Times Matti Steinberg, esperto di questioni palestinesi -. In primo luogo, dice ai sostenitori di Hamas che si può essere religiosi, ma non necessariamente fondamentalisti. In secondo luogo invia un messaggio alle donne musulmane in Cisgiordania: "Se lei è riuscita, tutte potete farlo: andate a lavorare e migliorate il vostro tenore di vita"». La nomina di Ghannam è indice di un approccio «più moderno» da parte di Abu Mazen», ha sottolineato anche Ahmad Tibi, un membro arabo della Knesset israeliana che conosce bene il presidente palestinese.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi