Sabato 24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento 11:42
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Dalla parte delle donne
HOLLANDE VARA UN DECRETO LEGGE PER L'EGUALIANZA NEI POSTI DI LAVORO E CONTRO IL SESSISMO
Nel provvedimento anche norme contro la violenza e gli spot che degradano l'immagine femminile PARIGI. Un decreto-legge per far applicare con severità la legge che punisce le differenze di salario tra uomini e donne per un eguale lavoro. Un piano di lotta contro gli stereotipi sessisti a scuola fin dall'asilo «Abcd dell'eguaglianza». Poteri all'autority sulla pubblicità per intervenire in caso di spot che danno un'immagine degradante della donna. Il Csa (Consiglio superiore dell'audiovisivo) interverrà contro derive sessiste e veglierà a una presenza equa di esperte in tv (dove regnano gli esperti uomini). Procedure penali più veloci e semplici per punire la violenza contro le donne. Richiesta alle parti sociali di trovare un accordo per stabilire un orario minimo del part-time e abolire gli orari spezzettati nella giornata. Riforma del congedo maternità, per renderlo meglio pagato, più corto (ora è di tre anni, troppi perché allontanano le donne dal lavoro) e condiviso con il padre. 
Queste decisioni sono state annunciate ieri a conclusione del comitato interministeriale sui diritti delle donne, che il primo ministro Jean-Marc Ayrault ha riunito per la prima volta da 12 anni (l'ultima era stata con Jospin). Il governo, appena nominato, aveva deciso quest'estate il rimborso al 100% dell'aborto da parte della Sécurité sociale e la gratuità della contraccezione per le minorenni. La prima legge è stata quella che punisce più severamente le molestie sessuali. Nelle nomine nell'alta funzione pubblica, il governo è passato dal 17 al 28% di percentuale di donne e progressivamente la parità dovrà venire rispettata nelle direzioni delle università e nei consigli di amministrazione delle società. Tutte le leggi sono oggetto di un esame di impatto sull'eguaglianza dei sessi. L'anno prossimo tutte le imprese che impiegano più di mille persone verranno controllate, per vedere se rispettano l'eguaglianza salariale e tutte quelle con più di 50 persone dovranno provare la messa in atto della parità. 
L'obiettivo di Hollande è di agire a favore dell'eguaglianza. Le statistiche attuali in Francia raccontano ancora una storia di persistenti discriminazioni: c'è una differenza di salario tra uomini e donne del 27%, un terzo a lavoro eguale; solo il 39% dei quadri dirigenti sono donne, mentre lo sono il 62% dei dipendenti meno qualificati; la pensione è del 40% inferiore; una donna su tre lavora a part-time, molto spesso subito; il lavoro femminile è concentrato in 12 sulle 87 famiglie professionali; le donne dedicano più del doppio degli uomini al lavoro casalingo; sono maggiormente vittime di violenze (più di 100 donne sono già morte quest'anno sotto i colpi del partner). 
Il governo Ayrault è paritario, ma all'Assemblea nazionale, malgrado la legge sulla parità, solo il 27% dei deputati sono donne (l'Ump ha preferito pagare la multa). I ministri, per sensibilizzarsi sul tema della parità in preparazione del comitato interministeriale di ieri, hanno dovuto seguire uno stage di antisessismo, organizzato da Caroline de Haas, co-fondatrice di Osez le féminisme. Najat Vallaud-Belkacem, ministra dei diritti delle donne e portavoce del governo, al di là delle leggi che sono già state varate o che sono pronte ad esserlo, vuole soprattutto "agire sulle mentalità". 
Secondo Vallaud-Belkacem, «abbiamo conosciuto nel passato due generazioni di diritti delle donne. Dopo la seconda guerra mondiale, le discriminazioni sono state ritirate dalle leggi» con il diritto di voto, per esempio, ottenuto in Francia solo nel '45. «Negli anni '70 dei diritti specifici sono stai accordati, come la contraccezione o l'interruzione volontaria di gravidanza. Adesso siamo a una terza tappa. Per ottenere l'eguaglianza bisogna agire sulle mentalità». Di qui l'importanza dell'intervento previsto nella scuola. Gli insegnanti dovranno avere una formazione specifica, per evitare gli stereotipi dall'asilo all'università. C'è anche un serio problema di indirizzo negli studi: le ragazze sono in generale migliori allieve nei licei, ma poi sono ancora in minoranza a scegliere le materie scientifiche all'università. Najat Vallaud-Belkacem ha anche in progetto di introdurre in Francia la legge svedese che punisce i clienti delle prostitute, nella speranza di arrivare a un cambiamento dei comportamenti.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi